Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

In Italia gli immigrati irregolari sono meno della media europea. La fotografia

Secondo le migliori stime disponibili, prodotte dall’Ocse e dalla Fondazione ISMU, in Italia la quota di immigrati irregolari sul totale degli stranieri è leggermente inferiore rispetto alla media europea. Negli Stati Uniti, per fare un confronto, sarebbe oltre il doppio.

 

Gli irregolari diventano invece appena superiori rispetto alla media europea se cerchiamo di stimare quanti essi potrebbero essere sul totale della popolazione: valori tutto sommato vicini a quelli del Regno e, per fare un altro confronto, inferiori rispetto a quelli svizzeri.

 

Secondo l’agenzia europea di statistica sono state poco meno di 27mila le persone trovate presenti in maniera irregolare sul territorio italiano nel 2018, in calo di circa 10mila rispetto al 2017. Si è trattato quasi esclusivamente di maschi, spesso giovani fra i 18 e i 34 anni, e diversi dei quali provenienti da Marocco, Albania e Tunisia. Si tratta, in effetti, delle tre nazioni di provenienza più frequenti delle persone trovate in situazione di irregolarità.

 

Questo rimane vero anche tornando indietro di qualche anno, pure se con proporzioni che salgono o scendono a seconda dei casi. Il 2017, va ricordato, era stato un anno particolarmente intenso dal punto di vista del numero di persone trovate in stato di irregolarità – quanto meno se confrontato sia a quello che l’ha preceduto che al seguente.

 

 

Secondo le stime Ocse in Italia non c’è un numero di irregolari anomalo rispetto ad altri Paesi. Negli ultimi anni le autorità hanno individuato circa da 4 a 6 irregolari ogni 10mila abitanti, molti meno di quelli identificati per esempio in Austria o Germania, o anche Francia, Regno Unito e Spagna, per non parlare della Grecia che presenta da tempo i valori maggiori.

 

Come ricorda l’agenzia europea di statistica, “nel 2013 i siriani rappresentavano il maggior numero di persone trovate in posizione irregolare in Ue”, e questo si è ripetuto fino al 2016 con un picco di 859mila persone nel 2015. Sempre in generale i cittadini pakistani sono stati il secondo gruppo più ampio nel 2013, gli eritrei nel 2014 e gli afgani nel 2015 e 2016.

 

Negli ultimi anni, comunque, le persone non in regola sono diminuite: tanto che risultano in calo nel 2016, 2017 e 2018.

 

Ultimi commenti
  • Walter |

    Quest’ articolo è una barzelletta. I numeri dove li avete presi su Topolino? Basta farsi un giro per le città per farla breve si stima, appunto si stima perchè non sono nemmeno censiti che siano vicini al 10% della popolazione e ad occhio guardando nelle città appare credibile se è vero che solo Roma e dintorni ne ha circa 500’000. I conti fateli voi. Altro che “gli irregolari diventano invece appena superiori rispetto alla media europea inferiori rispetto a quelli svizzeri” mi scappa davvero da ridere se è ancora permesso di farlo. Un’ altra cosa: nessuno di loro ha preso il coronavirus?

  • Nuccio Viglietti |

    Europa continente agonizzante…implacabile bomba demografica già stata piazzata…no avremo scampo distrutti da voglia implacata di profitto…di PIL…saremo Africa…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Nuccio Viglietti |

    Togli tuo prezioso culo da tua automobile…prendi qualsiasi mezzo pubblico di città media o grande…tua impressione sarà completamente diversa…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Giacomo |

    ecco un altra fake del ministro della propaganda e malavita nonche’ fella nana fascistoide che viene smentita dai fatti
    ma come al solito al popolo glorioso italico i fatti interessano poco
    meglio l’inno di mameli scosciato al papeete beach

  • Giampiero |

    E’ evidente che i migranti vanno dove c’è più da lucrare e l’Italia non è certo il massimo. Il problema sono gli arrivi, a cui per ragioni geografiche è esposto il nostro Paese oltre alla politica di respingimenti dei “fratelli” UE per viua di un regolamento “bidone”.

Suggeriti