Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Migranti: la tragedia dei morti nel Mediterraneo e il calo degli sbarchi

Secondo le stime più attendibili dell”Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiat (Unhcr) e Iom  (Organizzazione mondiale per le migrazioni) dal 2014 ad oggi sono più di 15mila i migranti che hanno perso la vita in mare. Già nel 2014 l’Agenzia Onu per i rifugiati aveva definito la traversata del Mar Mediterraneo la “strada più mortale del mondo”: infatti da allora le stragi in mare sono continuate e hanno raggiunto la cifra più alta nell’anno 2016 con oltre 5mila tra morti e dispersi. Il 2016 è l’anno in cui gli arrivi di migranti via mare in Europa sono calati considerevolmente in particolare sulla rotta del Mediterraneo orientale che dalla Turchia porta sulle isole greche, mentre la traversata dal Nord Africa verso l’Italia è tornata ad essere il principale approdo europeo per i migranti in fuga da conflitti, carestie, soprusi, instabilità politica ed economica.

Nella grafica interattiva realizzata da Unhcr cliccando nella cartina nell’area del Mediterraneo si hanno i numeri aggiornati a settembre sugli sbarchi, gli arrivi su base mensile e la nazionalità

 Nel 2015 sul totale dei morti e dispersi, il 77% ha riguardato questa rotta e l’anno successivo il 90%. Anche il 2017 sta registrando un considerevole numero di  decessi (nel 93,3% dei casi avvenuti sulla rotta migratoria verso l’Italia) con oltre 2.600 morti e dispersi tra il primo gennaio e il 29 settembre. Nei mesi estivi, con l’intensificarsi degli arrivi in Spagna, sono aumentate anche le vittime sulla rotta occidentale, che, al 29 settembre, rappresentano il 4,9% di tutti i decessi nel Mediterraneo

Qui sotto invece i numeri aggiornati a ottobre del ministero dell’Interno. Come si vede il calo negli sbarchi c’è ed è importante. Impressionano i numeri relativi ai minori. 

 

Ultimi commenti
  • Francesco Romano |

    La soluzione agli sbarchi e alle tragiche morti in mare sarebbe costituita (qualora ce ne fosse la capaci9tà e la volontà) dai rimpatri immediati, se cio’ avvenisse nessuno piu’ tenterebbe la traversata con la consapevolezza e la certezza di essere rimpatriato una volta giunto in Italia.
    Spero la soluzione del rimpatrio immediato

  • Francesco Romano |

    Con la certezza del rimpatrio si eviterebbero tragici sbarchi e tragiche morti perché nessuno pagherebbe e tenterebbe la traversata con la consapevolezza di essere rimpatriato.
    Politiche di attrazione dei migranti come quella di un accoglienza con vitto, alloggio, vestiti e diaria giornaliera ed altri benefit (il tutto a carico degli italiani) per un periodo lungo (solitamente occorrono 2 anni per vagliare le domande di asilo) incentivano sbarchi e rischi di naufragio.
    Un eventuale approvazione dello IUS SOLI attirerebbe tante donne del terzo mondo a venire a partorire in Italia in quanto al minore verrebbe riconosciuta la cittadinanza (qualora venisse approvata questa – a mio avviso- dissennata legge) e i genitori non potrebbero essere piu’ espulsi in quanto non possiamo tenerci il minore ed espellere i genitori che dovrebbero provvedere al Suo mantenimento.
    Quindi qualsiasi legge di concessione di diritti e benefici avrebbe come effetto collaterale quello di attirare migranti e quindi sbarchi e inevitabilmente naufragi.
    Spero chi fa le leggi mediti su quanto ho scritto

Suggeriti