Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Pil, la crescita dell’Italia e le proiezioni secondo Ocse

L’Istat ha confermato la crescita zero nel secondo trimestre. Rivista lievemente al rialzo, dallo 0,7 allo 0,8%, per la crescita su base annua. Ma nella sostanza nel secondo trimestre del 2016 il Pil italiano, corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente. Si legga l’articolo sul Sole 24 Ore.

Entrando nel dettaglio le statistiche mostrano incrementi congiunturali per il valore aggiunto di agricoltura (0,5%) e servizi (0,2%) mentre diminuisce (-0,6%) quello dell’industria.

Allargando lo sguardo, nell’ultimo report dell’Ocse di fine agosto il Pil dei paesi industrializzati è rallentato al +0,3% congiunturale nel secondo trimestre dal +0,4% dei precedenti tre mesi, mentre in Italia l’economia ha frenato su base trimestrale a quota zero da +0,3. In frenata anche Germania e Francia che passano da +0,7% a, rispettivamente, +0,4% e quota zero. Crescono invece gli Usa, che passano da +0,2% a +0,3%, mentre perde colpi il Giappone il cui Pil si contrae, passando da +0,5% a quota zero.

Qui i dati Ocse su base trimestrale. L’Italia è colorata in rosso. 

In milioni di dollari la proiezione di crescita del Pil nel 2060. L’Italia è il puntino rosso

In % la crescita annuale dal 2009 al 2017 (previsioni). L’Italia è in rosso, segnalati anche  la crescita mondiale e quella dei Paesi Ocse