Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
tecnologia

In una casa su quattro non c’è internet. Motivo? Nessuno sa usarlo

Il 24,7% delle famiglie italiane non dispone di una connessione internet all’interno della propria abitazione. Già, con buona pace della transizione al digitale, una casa su quattro è tagliata fuori da questo cambiamento. A dirlo è Istat nella sua ultima rilevazione su Cittadini, imprese e Ict, che ha aggiornato i dati al 2018. Il motivo di questa mancata connessione è principalmente legato al fatto che nessuno è in grado di utilizzare la rete. Anche se un quinto di chi non è connesso afferma che, semplicemente, non ritiene interessante Internet.

La mappa mostra, su base regionale, la quota di famiglie che non sono connesse. Ovviamente, più si va verso il verde più la percentuale è bassa, più si vira verso il rosso maggiore è la percentuale di famiglie ‘analogiche’. Una mappa che conferma la narrazione di un’Italia divisa in due, con il Nord nel presente digitale e un Sud ancorato al passato. Le tre regioni in cui è più alta la percentuale di famiglie non connesse alla rete sono Calabria (33,8%), Molise (33,7%) e Sicilia (33,5%). Quelle invece nelle quali è più bassa sono il Trentino Alto Adige (19%) e la Lombardia (20,2%).

Ora, non avere una connessione a casa non necessariamente significa non accedere alla rete. Come si vede dal grafico a barre posto al di sotto della mappa, un’8,1% di chi non ha un abbonamento si connette fuori casa. Magari dall’ufficio o in un luogo pubblico. Poco più del 18% afferma che non è connessa per un problema di costi, anche se i dati che più saltano all’occhio sono due.

Il primo è legato a quel 58,2% di persone che afferma che in casa nessuno è in grado di usare Internet. Ovvero, nessuno sa connettersi, aprire un browser o un’app sullo smartphone e navigare. Analfabeti digitali, sia detto con tutto il rispetto, la cui difficoltà ad approcciarsi alla rete rappresenta un problema non solo per loro: come si può pensare di digitalizzare completamente la pubblica amministrazione se più o meno il 15% degli italiani non sa connettersi a Internet? Detto altrimenti, più di un’italiano su sette non è in grado di andare on line.

Quindi c’è un altro elemento più di natura culturale. Rappresentato da quel 21% di chi non è connesso che ritiene Internet semplicemente non interessante. Una delle più grandi invenzioni del secolo scorso non suscita alcun interesse in un italiano su venti. Elemento da non trascurare in una fase di transizione verso il digitale, perché una fetta della popolazione rischia semplicemente di essere tagliata fuori.

Perché è vero, come scrive Istat nel comunicato che ha accompagnato la diffusione dei dati, che la quota di famiglie connesse in banda larga è salita dal 70,2% del 2017 al 73,7 dello scorso anno. E che è cresciuta la quota di chi si è connesso alla rete nell’ultimo anno, passando dal 65,3% al 68,5%, con un 52,1% che naviga quotidianamente. Ma finche una quota di popolazione non sa usare la rete o la ritiene non interessante, il rischio è che il Paese vada incontro all’ennesima spaccatura.

Ultimi commenti
  • Marco Casale-Rossi |

    Interessante ma molto incompleto. Il numero delle connessioni mobili eccede largamente la popolazione italiana. La verità e` che molti usano internet (Facebook, Instagram, Google, Whatsapp, Youtube) senza sapere che e` internet.

  • MarcoZ007 |

    non mi è chiaro se nelle statistiche riportate sopra si tiene conto degli smartphone (usato come router per connettere il pc) e chiavette wifi. Non è da sottovalutare questo aspetto perchè, nel caso in cui questi 2 apparati fossero forniti dall’azienda per la quale si lavora, come ad es nel mio caso, io credo di rientrare nella % che non accede ad Internet. Saluti

  • zambelli giuseppe |

    Perchè la RAI non trasmette lezioni su come usare il computer, la connessione ad internet ed altro in orari prima di cena?

  • Giuseppe C. |

    Da notare la Sardegna, valori pari a regioni più ricche (Trentino Alto Adige 19%, Lombardia 20,2%, Emilia Romagna 21% e Sardegna 21,7%), la regione che: vanta una delle prime esperienze di Service Provider con la società Video On Line di Grauso, la presenza del Provider Tiscali e affermati centri di ricerca come il CRS4. Tenta di limitare l’isolamento naturale del mare, almeno telematicamente.

  • raffaelloh |

    …andranno al CAF

Suggeriti