Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Manovra e spesa pubblica: 50 miliardi l’anno (per 16 anni) vi sembrano pochi?

Stiamo sicuri che le manovre in disavanzo siano l’unica via da battere per sostenere la crescita? In giornate davvero particolari come quelle che stiamo attraversando, tra un downgrade e l’altro, lo spread Btp-Bund sopra il 300 punti e le prime bocciature europee alla manovra gialloverde, forse basta uno sguardo a una serie storica per darsi una risposta individuale, da soli, da “buon padre/madre di famiglia”.

Ebbene 28 Stiamo parlando in valori facciali dell’indebitamento, ovvero di quei mattoncini che anno dopo anno servono per alzare il muro del debito pubblico, che a fine agosto (ultimo dato stimato da Bankitalia) era pari a 2.326,5 miliardi.

Qui trovate l’indebitamento netto della Pubblica amministrazione e il Pil a prezzi correnti. 

 

Come detto qui non si vuole affrontare un dibattito teorico sulle politiche espansive adottate dai nostri governi prima durante e dopo la doppia recessione che ha colpito l’Italia e che ci ha lasciati dove ci ha lasciati, ovvero con un Pil procapite ancora dell’8% inferiore ai livelli del 2007 (mentre in media nel resto dell’Ue sono sopra del 5%). Lasciamo stare per un minuto i dibattiti sulle vecchie o nuove teorie keynesiane, i moltiplicatori fiscali, le esogene e i complessi calcoli sulla portata degli stimoli indotti dalle politiche  economiche e quelle monetarie.

Riguardiamo i numeri di questa InfoData e proviamo a darci da soli una risposta. Da soli, proprio come quando siamo soli nel seggio elettorale quando votiamo: ma dov’è questa austerità da superare? Dove i vincoli, se abbiamo fatto 50 miliardi l’anno di deficit? Davvero tutti quei disavanzi sono serviti a qualcosa? Davvero il problema è l’Europa che ci ricorda che bisognerebbe ritrovare un sentiero di convergenza verso l’equilibrio di bilancio?

 

Ultimi commenti
  • mario marco |

    Forse sarebbe piu semplice e meno dispendioso sicuramente, fare gestire le amministrazioni alle dapp, vedi #blockchain #ethereum etc, anche perchè in questo modo si potrebbe far fronte alla richiesta di PIL tanto agognato.. piu PIL di cosi!! scrivo diversi articoli sul mio sito in merito e mi interesso di criptomoente dal 2009, ho lavorato allle Nazioni Unite come inviato speciale e sinceramente, non riesco a capire perchè questo govenro si ostina a stare con un piede in due scarpe, il punto è che devono decidere una volta per tutte cosa vogliono fare, in Europa o fuori dall’Europa, queste incertezze dei mercati, queste continue discussioni pubbliche, queste aggressioni, con i twitter sui social media, fanno star male non solo i mercati, ma anche la gente…. qui son tutti depressi — escluso il famoso 30% che li ha votati — voglio dire, d’accordo la loro manovra può essere una trovata geniale, a guardare i grafici io avrei paura, ma se tutti gli ananlisti chiedono al governo dItaliano di essere cauti e abbassare i toni, perchè questi figuri urlano a squarciagola, “Facciamo come diciamo noi e bsata” questa non è democrazia, questà e una pagliacciata vera e propria.. non si può neanche definire dittatura.. e solo una “st….ta pietosamente ingannevole e controproducente, abbiamo la teconlogia e le possibilità per uscire dall’Euro e muoversi su mercati alternativi, come sta facendo il Venezuela, per esempio. Ed io mi chiedo perchè il governo Italiano vuole stare in qualche modo in Europa? Forse per garantirsi gli stipendi di “europarlamentare” , inoltre hanno presentato delle “reali e stabili” alternative, proposte di mercato differenti, come faranno crescere l’economia con le “false promesse di Trump?” non so mi sembra un gran cavolata tutta sta manovra e sinceramente considero gli italini degli imbecilli (e io sono italiano) perchè non si può “svendere” i propri debiti a chiunque voglia specularci sopra solo perchè hanno votato Lega o 5stelle, qui ci stiamo “svendendo” il futuro dei nostri figli. Ecco, buona serata

  • dario |

    Perche’ non mettete questa notizia in prima pagina per mesi… forse la capiscono se la rileggono piu’ volte…

Suggeriti