Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Manovra: l’agenda dell’attuazione. Necessari 79 provvedimenti

Per fare in modo che la manovra di fine anno diventi realmente operativa saranno necessari 79 tra decreti ministeriali e di Palazzo Chigi, regolamenti, atti dell’agenzia delle Entrate o delle Dogane. Un carico minore rispetto alla legge di Stabilità dell’anno scorso, che al debutto richiedeva 144 provvedimenti applicativi. C’è però da considerare che la manovra per il 2016 era più corposa.

Questo nuovo pacchetto di 79 misure si va ad aggiungere al già pesante fardello lasciato dal Governo Renzi: 141 provvedimenti mancanti all’appello per mandare a regime le riforme economiche. Mancano inoltre un centinaio di regolamenti attuativi relativi ai Governi Monti e Letta.

L’applicazione avverrà a tappe: si parte dal 20 gennaio, data entro cui devono essere predisposti i bandi per far partecipare le Regioni al programma Inail di edilizia scolastica e si arriva al 2021, quando dovrà essere nominata la commissione per il finanziamento dei dipartimenti universitari di eccellenza.

Le misure attese per il 2017 si concentrano prevalentemente nel primo trimestre, di queste 17 devono essere messe a punto nel giro di un mese. Per citarne alcune, il “pacchetto” Ape e i “sisma bonus”. Resta invece invariata la quota di provvedimenti non vincolata da scadenza: 32 contro i 31 del 2016.

Nella tabella le misure attese entro il 2017.

Articolo sul Sole 24 Ore del 19 dicembre a pagina 8