Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Climate change, l’accordo di Parigi e i numeri sui gas serra

Cina e Stati Uniti hanno annunciato la ratifica dell’accordo di Parigi sul clima, raggiunto a dicembre al termine della COP21. L’annuncio è avvenuto durante un incontro a margine del G20 di Hangzhou, nell’est della Cina. Il presidente Barack Obama e il suo omologo cinese Xi Jinping hanno consegnato insieme al segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon i documenti per la ratifica del trattato, che mira a contenere il riscaldamento climatico. Qui l’articolo sul .com

Qui il sito della Nasa dedicato al cambiamento climatico 

L’Ue dal 1990 al 2014 ha già ridotto le sue emissioni di gas serra del 23%, superando quindi il target fissato del 20% per il 2020, ma per arrivare all’obiettivo del 40% per il 2030 dovrà fare molto di più. É l’indicazione dell’Agenzia europea dell’ambiente (Aea), secondo cui con le attuali misure gli europei nel 2030 arriveranno ad un taglio del 24% e aggiungendo quelle già pianificate al 25%. Per questo Bruxelles ha già in cantiere nuove normative, a partire dalla riforma del mercato europeo delle emissioni.
Ricordiamo che entro il 2050, le emissioni di gas a effetto serra (GES) devono essere ridotte del 40% ‑70% rispetto ai livelli del 2010 e devono registrare valori prossimi allo zero o negativi entro il 2100 per contenere l’aumento della temperatura media globale al di sotto dei 2°C. Qui trovate lo studio dell’Ocse dal titolo Climate Change Mitigation
Il rapporto  esamina i 34 membri dell’OCSE più Brasile, Cina, Colombia, Costa Rica, India, Indonesia, Lettonia, Lituania, Russia e Sud Africa, e il blocco UE, che insieme rappresentano più dell’80% del globale gas a effetto serra (GHG). Il rapporto rileva che un numero crescente di questi paesi hanno stabilito gli strumenti carbonio-pricing, tagliare sussidi per i combustibili fossili, ha investito in ricerca e sviluppo per le tecnologie verdi, foreste protette e riduzione delle emissioni delle fabbriche, aziende agricole e discariche. Quasi tutti sono diminuite emissioni di gas serra per unità di PIL. 27

I costi della salute. 

Oltre quattrocentomila morti e fra i 330 e i 940 miliardi di euro in termini di costi per la salute. Queste alcune stime dei danni provocati ogni anno in Europa dall’inquinamento dell’aria, che accompagnano la proposta della nuova direttiva al vaglio della prossima plenaria dell’Europarlamento. Le regole, che dividono gli eurodeputati e sollevano preoccupazioni specie fra ambientalisti e agricoltori, sono quelle sui tetti nazionali delle emissioni (NEC), in particolare per anidride solforosa (SO2), ossidi di azoto (NOX), composti organici volatili non metanici, micropolveri sottili (Pm 2.5), ma anche ammoniaca e metano. La bozza degli eurodeputati include target vincolanti sia per il 2025 che per il 2030. L’obiettivo della proposta iniziale della Commissione europea era quello di dimezzare il numero dei morti provocati dagli inquinanti, che nell’Ue uccidono dieci volte di più degli incidenti stradali. L’Italia da sola potrebbe risparmiare almeno 7 miliardi di euro nel 2025, considerando la stima di almeno 47 miliardi l’anno di costi per la salute, dall’assistenza sanitaria alle giornate lavorative perse.

wwqewqeq

http://www.oecd.org/environment/cc/climate-change-mitigation-9789264238787-en.htm