Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Violenza sessuale, il passaporto dei violentatori non c’entra. Ecco i dati

Lo suggeriva il buon senso, lo conferma la statistica: non c’è alcuna relazione tra il passaporto e lo stupro. Detto altrimenti, non c’è una nazionalità, un’etnia, la si chiami come si vuole, per cui la violenza sessuale è più frequente che in altre. In altre parole: chi afferma che l’ondata di violenze sessuali che nelle ultime settimane sembra aver colpito il nostro Paese sia una diretta conseguenza dell’immigrazione, ha torto. Così come chi sostiene che invece la colpa ricada soprattutto sugli italiani.

 

Per arrivare a questa conclusione, Infodata ha preso in considerazione due dati. Il primo riguarda i detenuti maschi nelle carceri italiane, suddivisi per nazione di origine, per reati legati agli articoli 609 bis, ter e octies del codice penale. Ovvero le norme che puniscono la violenza sessuale individuale e di gruppo e determinano le circostanze aggravanti. La fonte è l’ufficio statistica del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, i dati sono aggiornati al 15 settembre. E qui occorre una precisazione: non è possibile sapere se questi stranieri risiedessero in Italia o fossero di passaggio, ad esempio in vacanza. Ma è verosimile pensare che il caso sia il primo per la stragrande maggioranza dei detenuti.

 

Il secondo dato fa invece riferimento alla popolazione maschile residente al 1 gennaio 2017, anche in questo caso suddivisa per nazionalità di origine. I numeri arrivano dall’Istat. Prima di procedere, occorre una seconda precisazione. I dati forniti dal Dap fanno riferimento a persone maggiorenni. L’Istituto nazionale di statistica non permette però di estrapolare i dati relativi ai residenti stranieri maggiorenni. Per questo il raffronto è stato realizzato tenendo conto dell’intera popolazione maschile residente, sia per gli italiani che per gli immigrati. Il risultato è questo:

 

 

A un primo sguardo, occorre ammetterlo, il grafico non dice molto. Soprattutto perché il numero di italiani residenti (rappresentato dal rombo in alto a destra) è ovviamente sproporzionato rispetto a quello degli stranieri. E lo stesso vale per la quantità di detenuti. Più che alla distribuzione dei punti sul grafico, però, occorre prestare attenzione alla linea che lo attraversa. Ed avere la pazienza di affrontare un paio di nozioni di statistica, estremamente semplificate con buona pace degli esperti del settore.

 

La linea rappresenta la cosiddetta regressione lineare. In pratica, e molto brutalmente, è una linea che passa in mezzo a tutti i punti del grafico. E che, in qualche modo, definisce una tendenza. Ora, non è detto che questa tendenza abbia necessariamente un significato. Trattandosi di numeri, però, questo significato può essere misurato. L’indicatore che viene utilizzato per misurarlo è definito R2, R-squared per gli appassionati degli anglismi.

 

Questo indicatore ha un valore compreso tra 0 e 1. Più si avvicina a 0, meno il modello disegnato ha un significato. Al contrario, più ci si avvicina a 1, maggiore è il significato del modello. In altre parole, più è alto R2, più la linea identifica una tendenza reale. Nel grafico disegnato da Infodata il valore di R-squared è pari a 0,981. E “scende” a 0,967 se con il filtro “Status” si estende l’analisi anche ai detenuti in attesa di giudizio o con sentenza ancora non passata in giudicato e agli internati. Ovvero le persone che si trovano, ad esempio, in un ospedale psichiatrico giudiziario.

 

Il punto, però, è che il valore di R2 è molto vicino a 1. E quindi il modello ha significato. E questo modello dice che c’è una correlazione positiva tra il numero di maschi che compongono una popolazione e il numero di questi individui che ha commesso uno stupro. In altre parole, più persone ci sono e più sono i violentatori tra di loro. Dove siano nati non c’entra nulla. Il Paese d’origine non influenza la “propensione allo stupro”, ammesso che esista qualcosa del genere. O almeno questa è la situazione in Italia secondo i dati a disposizione.

 

Per provare a rendere il tutto più intuitivo, Infodata ha provato a rappresentare questi numeri in una mappa. Sulla quale viene rappresentata la percentuale di residenti in Italia in carcere per stupro secondo la nazionalità di origine. I colori più freddi indicano una percentuale più bassa, quelli più caldi un’incidenza più alta. Il filtro “Status” ha la stessa funzione del grafico precedente:

 

 

 

La situazione peggiore riguarda la Mongolia. Il 2,128% dei residenti in Italia è in carcere per stupro. Ma stiamo parlando di una persona su un totale di 47 immigrati dal Paese di Gengis Khan. La mappa suggerisce anche che dovremmo guardarci dagli americani, che stuprano ad un tasso sei volte superiore agli italiani: lo 0,063% dei cittadini Usa che vivono in Italia è detenuto per violenza sessuale, contro lo 0,007% degli italiani. Ha senso dirlo? Il grafico ci spiega che no, non ne ha.

 

Nemmeno la presenza di alcuni outliers, ovvero di punti sul primo grafico che si allontanano dalla tendenza (e che riguardano Romania, Marocco, Albania e Tunisia), riesce a togliere significato al modello. Il quale afferma che non c’è alcuna relazione tra la nazionalità di una persona e la possibilità che commetta uno stupro. Affermarlo, semplicemente, non ha alcun significato. Almeno se si rimane nel campo del buon senso. E della statistica. Poi ci sono le opinioni, ma su quelle non ci sono dati.

Ultimi commenti
  • Daniele |

    Mi scusi tanto ma i suoi dati affermano esattamente il contrario di quanto dice nell’articolo.
    Il coefficiente angolare per l’italia, ricavabile dal primo grafico, è di un detenuto ogni 17000 abitanti.
    Escludendo l’Italia dalla statistica, il coefficiente scende a un detenuto ogni 2200 abitanti, ovvero la probabilità che uno straniero commetta questo tipo di reato è quasi 8 volte superiore!!!
    Se proprio volete salvare il salvabile, dovete fare il confronto tra situazioni patrimoniali. Immaginando che tutti gli stranieri siano poveri, allora si possono confrontare con gli italiani poveri, che sono una parte minoritaria della popolazione.
    Ma con questo articolo rendete proprio evidente che state cercando di dimostrare quello che volete voi con dati che dicono l’esatto opposto!!!

  • CaB |

    Bello il grafico… Ora provate a fare la regressione lineare senza l’Italia e a vedere da che lato della retta questa si pone.

  • Serena Rosati |

    Sarebbe molto interessante conoscere i dati del livello distruzione degli uomini che hanno commesso uno stupro

  • Andrea Mangone |

    A prescindere dalla statistica caro autore se giá dimostri che abbiamo tanti delinquenti in Italia perché importarne da altri paesi?Non importa da quale nazione vengano il nostro stato é famoso perché non riesce a controllare i nostri delinquenti, le sembra logico farne arrivare altri?Negli stati come Australia, Canada, Nuova Zelanda controllano i carichi pendenti delle persone che entrano nel paese.Durante gli sbarchi a malapena identificano la persona.I cittadini che hanno diritto di sentirsi sicuri non si sentono protetti poiché il metodo con cui accettiamo queste persone non ci garantisce che in mezzo alle persone in buona fede non ci siano delinquenti.E noi di delinquenti ne abbiamo giá abbastanza tra i nostri concittadini.

Suggeriti