Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Milano è tre volte più ricca di Agrigento. La mappa delle province dove si sta bene

Se prendiamo le sole province italiane, troviamo che la maggior parte è sotto la media europea. Il risultato peggiore arriva da quella di Agrigento, mentre a Milano il Pil per abitante risulta in media oltre il triplo. Anche a Napoli le cose vanno tutt’altro che bene, mentre gli altri due grandi agglomerati urbani – Roma e Torino – restano sopra la media anche se nel capoluogo piemontese certo non di un gran margine.

 

Proprio Milano, Roma e Torino rappresentano in qualche modo il nucleo degli italiani il cui tenore di vita è sopra la media europea: circa una persona su sei risiede infatti lì. Dall’altro lato, scendendo a sud troviamo invece aree ben più povere. Già solo in province come Palermo, Bari, Catania e Salerno vivono quasi cinque milioni di italiani il cui tenore di vita non è dei migliori – e a volte non arriva quasi neppure alla metà della media europea.

Roma è comunque un caso a parte perché a differenza delle altre due province beneficia dall’essere sede di un gran numero di attività pubbliche, alte dirigenze ministeriali e così via, che spingono i redditi verso l’alto. Altrove, invece, ha maggior prevalenza il settore privato.

Seconda puntata…

 

 

Ultimi commenti
  • Nuccio Viglietti |

    …sarà!!… ma vivere a Milano…neanche sotto tortura…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Gibulca |

    Pur di dare a Roma il primato nel numero di abitanti hanno allargato a dismisura la città metropolitana, fino a comprendere paesi di montagna e città di mare, porti come Civitavecchia e paesi di campagna. Operzione oposta a Milano, dove hanno escluso una popolosisima fetta di hinterland. Questo ricordando che il PIL di Roma è farlocco e alterato dalla presenza di carrozzoni statali con sede a Roma ma che romani non sono.

  • Andrea Gianotti |

    buona idea, grazie per il suggerimento, cerchiamo i dati

  • borsahty |

    “quanti italiani vivono in aree ricche e povere” nemmeno l’Onu utilizza più da 50 anni il PIL pro capite come elemento di vera ricchezza di una regione o nazione. Poi perché il Sole24ore continua ad includere province abolite da quasi 10 anni come Ogliastra, Medio Campidano in Sardegna, delle entità microscopiche con poche decine di migliaia di abitanti, meno abitate di un quartiere di Roma o Milano? Allora suddividiamo i quartieri di Milano per PIL pro capite e vediamo quanti se ne trovano di più poveri rispetto alle province del Mezzogiorno.

  • Carlo moneta |

    Interessante il reddito medio, per caso si può ricavare anche il reddito mediano?

Suggeriti