Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
politica

I voti raccolti dal Partito Animalista (più di Forza Nuova e Casa Pound)

Gli esclusi.Restano fuori dai seggi europei +Europa-Italia in Comune-Pde Italia con 822.753 consensi pari al 3,09%, Europa Verde con 609.652 voti e il 2,29%, La Sinistra (465.086 voti, 1,74%), il Partito Comunista (234.230 voti, pari allo 0,88%). Fuori anche il Partito Animalista con 159.340 voti (0,60%), Svp (141.353 voti pari al 0,53), il Popolo della Famiglia-Alternativa Popolare (113.875 voti pari al 0,43), Casapound Italia-Destre Unite (88.723, 0,33%), Popolari per l’Italia (79.949 pari al 0,30%), il Partito Pirata (60.306 pari al 0,23%), Forza Nuova (40.781 pari al 0,15%), Autonomie per l’Europa con 17.629 (0,07%), il Ppa Movimento politico Pensiero Azione con 5.017 voti (0,02). Una annotazione, il Partito Animalista ha preso più voti di Casapound e Forza Nuova insieme, un segno che forse a livello elettorale i partiti di ispirazione fascista sono un po’ sopravvalutati, almeno sotto il profilo mediatico e della propaganda (si legga l’estrema sensibilità anti-fascista che spunta da ogni dove come se ce ne fosse una ragione). Seconda annotazione, a sinistra del Pd, la Sinistra (465.086 voti, 1,74%), il Partito Comunista (234.230 voti, pari allo 0,88%) ed Europa Verde (609.652 voti e il 2,29%) valgono insieme quasi il 5%. Non poco.

Il caso del Partito animalista in Francia. Con una percentuale di voti superiore al 2 per cento, il successo del partito animalista sostenuto da Brigitte Bardot rappresenta in Francia la maggior sorpresa tra le liste minori. Non riesce a superare la soglia del 5 per cento e non avrà seggi al parlamento europeo, ma può vantare di avere ottenuto quasi quattro volte i consensi dei gilet gialli. Lo sottolinea Le Figaro. Il partito che difende la causa animalista ha raddoppiato i risultati delle legislative del 2017 (2,2% contro 1,1), superando formazioni un tempo più votate con Lotta operaia o I patrioti. “Siamo molto contenti del risultato – ha detto la capolista Helene Thouy – ottenuto nonostante l’indifferenza dei media e i mezzi finanziari limitati”. Thouy ha anche riferito di “centinaia di segnalazioni di irregolarità con schede che non avrebbero raggiunto tutti i seggi per le votazioni”. Il partito non era stato invitato ai dibattiti televisivi, contrariamente ad altre liste che alla fine hanno ottenuto percentuali più base di consenso