Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Inquinamento, rumore e pulizia. In quali città europee si vive meglio

Napoli, e soprattutto Roma e Palermo, sono fra i comuni europei quelli dove più abitanti lamentano lo stato della pulizia cittadina. Secondo uno studio condotto da Eurostat su circa 120 città europee e reso noto dallo European Data Journalism Network già nella località partenopea oltre il 75% delle persone si dice abbastanza o molto insoddisfatto: numeri che se ci spostiamo nelle altre due città superano il 90% del totale.

Per parte loro Bologna a Torino appaiono con risultati meno estremi e certamente più vicini alla media continentale, con Verona che distacca le altre italiane e i cui cittadini lamentano la poca pulizia soltanto di rado.

Un altro tipo di inquinamento – meno ovvio ma pur sempre inquinamento – è quello acustico, ma in questo caso nessuna delle italiane spicca per numero di abitanti che lo ritengono un problema pressante. Bisognerebbe invece indagare – magari ben munendosi prima di tappi per le orecchie – il caso di Praga, che stacca tutti gli altri comuni analizzati e in cui oltre un abitante su tre cita proprio il rumore come la prima causa di preoccupazione.

Situazione difficile sotto questo aspetto anche a Francoforte o, benché in misura minore, nei sobborghi di Parigi, mentre già a Berlino o Lisbona troviamo valori comunque superiori a quelli italiani ma con un distacco già decisamente inferiore.

Neppure tornando indietro con gli anni sembrano esserci grandi problemi – o grandi variazioni, per quello che vale –, rispetto al problema dell’inquinamento sonoro. Al netto di qualche fisiologico su e giù, magari neppure statisticamente significativo, in nessuna delle città italiane oggetto di studio da questo punto di vista le cose sembrano cambiate gran che.

Dove invece troviamo un peggioramento è nella percezione della pulizia. In quattro luoghi censiti su sei aumenta la fetta di abitanti abbastanza o molto insoddisfatti, e questo è vero in particolare a Roma dove peraltro si partiva già da livelli molto alti. Fanno eccezione Napoli e Palermo, altro caso in cui l’insoddisfazione per la pulizia appariva comunque diffusissima anche prima.

Altri due aspetti della vita quotidiana in città da non sottovalutare riguardano la presenza di spazi verdi e lo stato delle strade. Nel primo caso troviamo due città italiane fra quelle dove più di frequente gli abitanti esprimono insoddisfazione: Napoli e Palermo. Anche Roma, comunque, pur non raggiungendo questi estremi resta nella parte alta dell’elenco – ben poco verde. Scendendo ancora troviamo, nell’ordine, Verona, Bologna e poi Torino, arrivati alla quale ci avviciniamo invece al gruppo dei virtuosi che comprende – almeno nella percezione di chi ci vive – città come Amsterdam o Varsavia.

Il problema delle strade pone piuttosto Roma, Palermo e Verona nella parte medio-alta dei rispondenti scontenti, e anche se certamente il problema appare meno percepito che a Praga o Bratislava neppure risulta una questione pochissimo sentita come succede per esempio a Lisbona, Barcellona o Madrid.

Nonostante questo, i dati dell’agenzia europea di statistica evidenziano comunque una crescita nel numero di italiani che lamentano lo stato delle strade – almeno nelle città studiate in questo caso. A parte Bologna, in tutte le altre cresce la fetta di abitanti insoddisfatti.

Capire invece come cambia la percezione degli spazi verdi è più complicato, perché il cambio di opinione è spesso di ampiezza minore e al limite di valori statisticamente significativi. Detto questo, comunque gli insoddisfatti dello stato del verde aumentano a Verona e Roma, mentre diminuiscono a Bologna; altrove le variazioni sono praticamente nulle.