Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
politica

Crea la tua coalizione per il nuovo Governo. Il newsgame della maggioranza in Parlamento

A elezioni concluse, e con pochissimi giorni alle consultazioni per la formazione del prossimo governo, le cronache dei giornali si riempiono di scenari post-elettorali e discussioni di possibili alleanze. Ma al di là delle idee e delle proposte in comune fra leader, partiti e coalizioni, il punto cruciale da cui tutti devono partire è quello brutale dei numeri – ossia dei seggi a disposizione per formare un’eventuale nuova maggioranza di governo.

Per capire quali sono le ipotesi più plausibili abbiamo realizzato un piccolo gioco elettorale, in cui chi vuole può costruire da sé la propria coalizione ideale e verificare se – e quanti – numeri ha per governare.

Il gruppo parlamentare più consistente sarà quello del Movimento 5 Stelle, che però da solo non può arrivare a formare una maggioranza né alla Camera né al Senato. Poiché però esso dispone comunque di centinaia di deputati e senatori, per tutte le altre forze politiche è estremamente difficile arrivare a formare un governo che lo escluda.

A contare solo i seggi, l’unica alternativa plausibile a un esecutivo senza i 5 stelle sarebbe un accordo fra gli altri tre grandi partiti: Lega, PD e Forza Italia. Alleanza che però dal punto di vista politico non avrebbe molto senso, per cui appare improbabile. Tutte le altre possibilità che consentono di raggiungere i 316 deputati necessari presuppongono invece che i 227 eletti nel Movimento votino la fiducia al nuovo governo.

Perché ci sia un esecutivo, s’intende, una maggioranza serve anche al Senato. Lì i rapporti di forza fra partiti non sono poi così diversi, e le cose cambiano un po’ soprattutto all’interno nel centro-destra, dove rispetto alla Camera Forza Italia guadagna grosso modo quanto perde la Lega.

In entrambi le aule appare poi difficile che i partiti più piccoli siano in grado di spostare gli equilibri in un qualsiasi verso: al massimo sembra plausibile che possano rafforzare maggioranze già esistenti e nate dall’accordo fra i grandi. A meno che parti importanti di questi ultimi non si disgreghino in favore del governo un po’ come è successo in passato con i cosiddetti “responsabili”, ma questa volta i voti richiesti per tenere a galla un governo – quale che sia – risulterebbero comunque parecchi.