Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Euro o dollaro. Quale valuta viene usata per commerciare fuori dall’Europa?

Quale valuta viene utilizzata principalmente dagli Stati membri dell’Ue per il loro commercio di beni con partner non UE?  L’anno scorso, scrive Eurostat, quasi la metà (49%) dell’importo totale delle merci importate da paesi extra Ue è stato pagato in euro e un terzo (33%) in dollari statunitensi. Andamento opposto per le esportazioni, con poco più della metà delle esportazioni fatturate in dollari statunitensi (55%) e circa un terzo in euro (34%).

Il tipo di prodotti scambiati influenza chiaramente la scelta della valuta di fatturazione. Ad esempio, mentre oltre l’85% dei prodotti petroliferi importati nell’Ue nel 2016 sono stati negoziati in dollari Usa, circa la metà delle merci primarie (54%) e le merci fabbricate (50%) che l’Ue ha esportato in paesi extra U Sono stati fatturati in euro. Ciò spiega anche in parte perché alcuni Stati membri dispongono di quote di fatturazione più elevate in alcune valute rispetto ad altre.

 

La quota più elevata delle importazioni dall’esterno dell’UE ha pagato in euro in Slovenia, il più basso nel Regno Unito

Quasi due terzi delle importazioni di merci sono state pagate in euro in Slovenia (68%), Lettonia e Slovacchia (entrambi 65%) e circa metà in Austria (55%), Croazia (49%) e Germania (48%). Al contrario della scala, l’euro ha rappresentato meno del quarto della somma totale delle merci importate nel Regno Unito (5%), Svezia (14%), Grecia e Danimarca (entrambi del 24%). Nel complesso, più della metà delle merci importate sono state fatturate in dollari statunitensi in 20 dei 28 Stati membri.