Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

La crescita record del Prosecco

Un anno col botto per il Sistema Prosecco che dovrebbe chiudere con una produzione di almeno 510 milioni di bottiglie. Di cui 420 della Doc e 90 milioni della Conegliano Valdobbiadene che esportano rispettivamente il 70 e il 45 per cento. Nel complesso il business supera i 2,5 miliardi di giro d’affari, coinvolge 13.500 produttori, 1.380 cantine vinificatrici e 300 imbottigliatori.

Le vendite non crescono solo all’estero – dove il Prosecco ha fatto breccia nel cuore degli anglosassoni, conquistando il mercato targato USA (+30,6%) e UK (+34,6%) – ma anche in Italia, dove viene apprezzato soprattutto dai giovani e inizia ad farsi strada anche al Sud.

Articolo sul Sole 24 Ore del 21 dicembre a pagina 15
Ultimi commenti
  • smith loan |

    Ciao

    Hai bisogno di un po ‘di credito o di qualche finanziamento? Non pagato indietro dalla banca? Fai
    hai un conto o un debito a pagamento? Abbiamo un buon piano di rimborso con un minimo
    tasso d’interesse del 2%. Per ulteriori informazioni, vi preghiamo di contattarci direttamente a
    il seguente indirizzo: [smithloans61@gmail.com]

  • passi |

    per qualsiasi necessità di finanziameento o di prestito volete contattare questo che potrà aiutarli cinziamilani62@gmail.com

  • merlino |

    il Prosecco è un gioiello della viticoltura italiana.

    Ho visto, in proposito, un servizio di Report nel quale si evidenziava l aumento quasi esponenziale della produzione negli ultimi anni, per effetto dell apprezzamento del mercato (l elevato prezzo di vendita). molte altre produzioni sono state riconvertite e di fatto si è passati, su vasta scala, a una monocultura intensiva di prosecco.

    Nel breve termine ha indubbi vantaggi di bottega, nel lungo periodo non so che effetto abbiano tutti i vari diserbanti pesticidi et similia uniti e una monocultura sulla falda acquifera (salute di tutti?) e sulla qualita del terreno e dunque della qualita del prosecco stesso in futuro.

    E non so nemmeno se sia una scelta lungimirante riversare sul mercato ulteriori tonnellate di prodotto: non rischiamo di “bruciare” un vino-gioiello che tutti ci invidiano, trasformandolo in un prodotto di bigiotteria di ampio consumo?

Suggeriti