Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Export: Washington e Pechino spingono il made in Italy

In settembre il made in Italy cresce del 2.7%, che si traduce in 400milioni di commesse in più per le aziende. Un miglioramento che inverte un trend negativo in atto da gennaio 2016. A rilanciare l’export italiano sono in particolare Stati Uniti – con un balzo di 11 punti decisamente positivo se si considera che Washington è il primo mercato di sbocco extra-Ue per l’Italia – e la Cina (+23% su base annua). Confrontando i dati con il periodo pre-crisi (2013) gli acquisti americani sono aumentati di 7 miliardi di euro.

Fa bene anche il Giappone, in crescita di 18 punti, ma la novità principale è il ritrovato segno più in Brasile, con l’area Mercosur a crescere del 3.8%. Poche le note dolenti: Medio Oriente (-8.4%), Turchia (-8.3%) e Russia (-1.6% a settembre 2016).

Articolo del Sole 24 Ore del 25 ottobre 2016 a pagina 9