Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Nel 2015 in Italia 173.892 incidenti stradali. Dal 2001 aumentano le vittime

Sulla base dei dati provvisori di Istat, nel 2015 si sono verificati in Italia 173.892 incidenti stradali con lesioni a persone, che hanno provocato 3.419 vittime (morti entro il 30° giorno) e 246.050 feriti. Lo riferisce Istat: per la prima volta dal 2001 cresce il numero di vittime (+38, pari a +1,1%). Gli incidenti registrano invece una flessione dell’1,8% e i feriti del 2,0%.

Il 2015 è segnato da un aumento delle vittime di incidenti stradali anche nella Ue28 (1,3% in più del 2014): complessivamente, sono state 302 contro 25.970 del 2014. Nel confronto fra il 2015 e il 2010 (anno di benchmark della strategia europea per la sicurezza stradale) i decessi si riducono del 16,8% a livello europeo e del 16,9% in Italia. Ogni milione di abitanti, nel 2015 si contano 52 morti per incidente stradale nella Ue28 e 56,3 nel nostro Paese, che si colloca al 14° posto della graduatoria europea, dietro Regno Unito, Spagna, Germania e Francia.

 

Nell’Info data abbiamo messo la mappa degli incidenti stradali registrati sulle autostrade e sulle strade statali, geolocalizzati per Comune, mette in evidenza quali sono i punti più pericolosi delle diverse tratte. Lungo l’A1 Milano Napoli, ad esempio, il picco si regista a Barberino di Mugello (Fi) con 52 incidenti e 2 morti. Lungo la Salerno-Reggio Calabria, invece, il picco di incidenti si registra nel tratto che percorre il capoluogo calabro (25). ma la mortalità su strada raggiunge il record di 3 vittime a San Cipriano Piacentino. Dall’elaborazione dei dati Aci-2013 sulla localizzazione degli incidenti stradali  è possibile visualizzare la mappa (qui sotto) per le singole strade statali e autostrade delle tratte più pericolose, in termini di incidenza di sinistri e di mortalità.

Elaborando, invece, le statistiche Istat 2013 nell’Infodata del Lunedì pubblicata sul quotidiano del 20 luglio 2015, emerge la classifica delle città dove si concentra la maggiore densità di veicoli coinvolti in incidenti stradali (ogni 10mila veicoli registrati al Pubblico registro automobilistico). Sul podio si posizionano Genova, Rimini e Milano. In particolare nel capoluogo ligure sono stati 131 ogni 10mila i mezzi protagonisti di un sinistro, 122 a Rimini e 117 a Milano. Sono, invece, Medio Campidano, Agrigento e Cosenza le città con la minore incidenza. Va ricordato, però, che i dati Istat contano solo i casi in cui sono intervenuti gli agenti. Gli incidenti stradali in Italia avvengono soprattutto su strade rettilinee, tra più di una autovettura, in particolare tra le 17 e le 21 del tardo pomeriggio, con un picco massimo il venerdì. Il mese da “bollino rosso” per chi viaggia su strada, invece, è luglio: gli incidenti stradali si concentrano proprio in questo periodo, con un incremento dei veicoli coinvolti già evidente nel mese di giugno.

Anno: 2013. Fonte: Aci. Parole di Michela Finizio. Dataviz: Andrea Gianotti.

Info Data pubblicata il 19 luglio 2016