Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Trent’anni dopo Chernobyl: la mappa dell’energia nucleare nel mondo.

Trent’anni fa la tragedia di Chernoby: oggi l’Ucraina ricorda il peggior incidente nucleare del mondo, che uccise migliaia di persone e ha indotto a un ripensamento globale circa l’opportunita’ di affidarsi al combustibile atomico, Il 26 aprile 1986 il reattore numero 4 dell’impianto ucraino esplose e brucio’ per dieci giorni. Piu’ di 200 tonnellate di uranio rimangono all’interno del fatiscente rettore, che per giorni riverso’ nubi radioattive su tre quarti d’Europa, mentre le autorità sovietiche tentavano di nascondere la gravità dell’accaduto. Persistenti timori di nuove perdite dalla struttura, ormai invecchiata, in cemento armato che copre i rifiuti tossici hanno indotto a pensare di costruire una nuova copertura per tenere al sicuro il sito per almeno un altro secolo. E i donatori lunedi’ (ieri ndr) si sono impegnati a versare altri 87,5 milioni di euro per la costruzione di un nuovo impianto di stoccaggio che dovrebbe consentire agli ucraini di vivere al sicuro per ancora varie generazioni a venire.

Qui l’articolo su cosa resta del ricordo di Chernobyl. Qui il racconto di Jacopo Giliberto da suo blog.

Qui abbiamo geolocalizzato grazie all’aiuto di Wikipedia le centrali di energia nucleare con potenza superiore a 1 Mw. In fondo trovate la timeline di quelle in costruzione. Dataviz Andrea Gianotti, Parole di Luca Tremolada