Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
politica

Open Data, al via la consultazione promossa da Agid. Perché partecipare?

Riguarda tutti e non solo le imprese o la Pa. Al via a partire dal 19 maggio 2022 la consultazione promossa dall’Agenzia per l’Italia Digitale per raccogliere contributi utili alla redazione finale delle Linee Guida sull’apertura dei dati e il riutilizzo dell’informazione del settore pubblico. Per recepire la direttiva Open Data del 2019  l’Agid  dovrà disporre e attuare le Linee Guida sull’apertura dei dati e il riutilizzo dell’informazione del settore pubblico. Per farlo oltre a coinvolgere le amministrazioni interessate e sentire il Garante per la privacy, ha avviato una consultazione pubblica che terminerà il 5 giugno 2022. Il testo delle Linee guida messo in consultazione è stato elaborato con il contributo di un gruppo di lavoro costituito a tale scopo in cui sono rappresentate, a partire dai RTD, diverse amministrazioni.

 


Come funziona la consultazione. CI sono tre momenti. Una fase informativa (dal 19 maggio al 5 giugno), durante la quale sono messi a disposizione i documenti di riferimento e altri materiali utili per approfondire i temi trattati nelle Linee guida in modo da poter fornire il proprio contributo alla versione finale del documento in una maniera più comprensibile possibile. Una di raccolta dei contributi (dal 6 giugno all’8 luglio), durante la quale è possibile fornire il proprio contributo attraverso la presentazione di proposte relative alle diverse sezioni del documento posto in consultazione. E l’ultima di pubblicazione dove viene elaborato il report di sintesi dei contributi raccolti e una nuova versione delle Linee guida che recepisce i contenuti reputati idonei.

Perché partecipare? Perché i dati sono importanti, rappresentano un asset fondamentale e servono a cittadini e giornalisti. By the way, per partecipare serve lo Spid.

Per approfondire. 

Cosa funziona e cosa no negli open data italiani

Cosa misura l’Open data maturity index? L’Italia ha qualche problema nella qualità degli open data

Questo articolo parla di open data. Ma lo avete già letto