Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Gli insegnanti italiani sono i più anziani d’Europa

Oltre che gli insegnanti, potrebbero tranquillamente essere anche i nonni dei loro studenti. Almeno sotto il profilo anagrafico: alla primaria il 55% dei docenti ha più di 50 anni, così come alla secondaria di secondo grado. Alle vecchie scuole superiori si sale invece al 61%. Invecchia la popolazione, insomma, e di conseguenza invecchia anche chi ha il compito di formare le generazioni future.

 

L’esperienza ha un valore, certo. Ma quanti di questi insegnanti sono a loro agio, ad esempio, con le nuove tecnologie? Domanda alla quale i dati diffusi da Eurostat, l’istituto europeo di statistica, non danno alcuna risposta. Si “limitano” a confermare come nel 2015 il corpo docente italiano fosse il più anziano d’Europa. I numeri sono riassunti in questa infografica:

 

 

 

La parte verde della barra rappresenta la percentuale di insegnanti con meno di 50 anni. In giallo si va dai 50 ai 54 anni, in arancione dai 55 ai 59. Gli over 60 sono in rosso chiaro, gli over 65 in rosso più scuro. Sì perché in Italia nella scuola primaria, che è quella visualizzata di default ma con il filtro sopra il grafico si può cambiare, l’1,4% degli insegnanti ha più di 65 anni. In questo senso, occorre precisarlo, il record spetta all’Estonia, con il 4,75%. Dove un maestro su venti, insomma, ha tutti i requisiti anagrafici per essere nonno.

 

A livello europeo, nella scuola primaria solo un terzo dei docenti ha più di 50 anni. E un ulteriore 14% ha tra i 50 ed i 54 anni. Età che ha invece un quinto degli insegnanti italiani impegnati nelle vecchie elementari. Se si selezionano le secondarie, sia di primo che di secondo grado, le proporzioni rimangono simili. La percentuale di professori under 50 europei l’Italia la raggiunge sommando anche la fascia di età tra i 50 ed i 54 anni.

 

Al capo opposto realtà più piccole, come Malta ed il Lussemburgo. Ma anche Paesi importanti come il Regno Unito, dove l’85% degli insegnanti della scuola primaria ha meno di 50 anni. E se la Brexit ci salverà almeno da questa brutta figura, rimane aperta la domanda: i docenti più vecchi d’Europa sapranno preparare i bambini italiani al futuro?

Ultimi commenti
  • Lorenzo Newman |

    Il dato si riferisce ai docenti con cattedra o comprende anche supplenti e altre categorie?

  • Teresa Abagnale |

    Gli insegnanti italiani maltrattati in tutto a livello retributivo e di pensione rispetto l ‘europa è una vergogna……

  • Lucia |

    C’e sempre meno possibilita di reggere: le loro pile sono stracariche e le nostre sempre piu esaurite. E una cattiveria, per gli allievi e per noi insegnanti, non mandarci in pensione a una eta ragionevole.
    E che dei giovani e dei vecchi non gliene frega niente a nessuno

  • David Frapiccini |

    Tre cose: per molti anni non si è dato il via ai concorsi per immettere nuove energie e solo negli ultimi tempi qualcosa si è mosso; a breve l’età pensionabile toccherà quota 67; l’ultima riforma del mondo della scuola introduce un percorso formativo dei docenti piuttosto lungo e articolato, benché il FIT abbia un suo senso e rappresenti certamente un passo avanti rispetto al dispendioso e inutile TFA costituito nel 2011. A questo punto verrebbe da chiedere: ma di cosa stiamo parlando? A queste condizioni i docenti saranno mediamente sempre più anziani. Il problema non è legato all’età, ma alla preparazione e al continuo aggiornamento dei professori. Non si può fare la semplicistica equazione: nuove tecnologie corrispondenti all’età giovanile. Un individuo stagionato può essere altrettanto capace di uno giovane! Allora non demonizziamo gli anziani e prestiamo meno attenzione a queste statistiche strumentali: i docenti, in conclusione, devono indicare i terreni metodologici, ma poi il futuro sarà inevitabilmente sulle spalle dei ragazzi di oggi e uomini di domani.

  • Antonella Cerutti |

    60 anni! 2 classi di bambini di prima….
    8 cm di spirale nel cervello che mi tiene chiusa un’emoraggia….
    Il governo non mi lascia andare in pensione…
    O se volessi… avrei una decurtazione di più di 300 euro….
    Finché c’è la faccio….

Suggeriti