Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Banche, dal 2013 al 2020 in uscita oltre 25mila lavoratori

Si prevede un autunno caldo per i sindacati del settore bancario. All’orizzonte non ci sono solo le uscite dal lavoro previste da qui al 2020, superiori alle 16mila unità – più di 25mila se si prende in considerazione il periodo complessivo 2013-2020 -, ma anche il braccio di ferro con il governo per la gestione finanziaria del fondo esuberi, che la legge 59 dello scorso maggio ha portato da 5 a 7 anni.

La nota della Fabi di ieri riassume i numeri del problema. Secondo il sindacato più rappresentativo (110mila iscritti), «in 3 anni, dal 2013 al 31 marzo 2016, dai gruppi bancari italiani sono usciti 11.988 lavoratori e altri 16.109 sono pronti ad uscire entro il 2020 in base agli accordi sindacali sugli ultimi piani industriali, di cui quasi 9mila potenzialmente prepensionabili.

Articolo a pagina 10 del Sole 24 Ore del 10 agosto 2016