Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Quanto cresce l’Italia rispetto agli altri paesi europei?

Il Pil dell’Eurozona è salito dello 0,5% nel primo trimestre del 2016, portando all’1,5% il rialzo annuale. E’ quanto ha stimato nei giorni scorsi Eurostat. Per quanto riguarda l’Ue, il miglioramento trimestrale è dello 0,5% e quello annuale dell’1,7%. In Italia, il Pil è salito dello 0,3% rispetto al primo trimestre e dell’1% rispetto all’anno scorso. Negli Stati Uniti nello stesso periodo il rialzo è stato dello 0,15 nel trimestre.

 

 

La crescita nell’intera Unione a 28 è in linea su base congiunturale con quella dell’Eurozona (0,5%) ma un poco più forte nel raffronto anno su anno, (+1,7% contro il +1,5% dell’Uem). In questo contesto più ampio spicca la frenata della Polonia, superiore alle attese degli analisti. A Varsavia hanno registrato una variazione negativa sul congiunturale (-0,1%) mentre il tendenziale segna un +2,5% che è più basso di quanto prevedevano gli economisti.

Le altre variazione negative del prodotto interno lordo misurato al netto delle stagionalità da Eurostat è per l’Ungheria (-0,8% sul trimestre precedente e +0,5% il tendenziale) e la Lettonia (-0,1%; +1,3%). E in negativa resta la sofferente Grecia, la cui economia nei primi tre mesi è arretrata di quattro decimali (-1,3% la variazione anno su anno dopo il calo dello 0,8% del trimestre precedente) .