Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Nuovo Tltro dalla Bce. Per le banche le operazioni a lungo termine avranno un tasso pari a zero

80%, è la percentuale di finanziamenti alle imprese che nell’eurozona arriva dalle banche

0%, è il tasso fissato sui finanziamenti a lungo termine, fissato dalle nuove Tltro

+0,6%, è l’aumento a gennaio del credito alle imprese; a dicembre 2015 lo stesso indicatore era allo 0,1%

Far ripartire il credito. Questo, l’obiettivo primario della Bce, annunciato ieri insieme ad un pacchetto di iniziative di politica monetaria che hanno colto di sorpresa l’Europa.

Sono state varate quattro nuove operazioni di rifinanziamento a lungo termine delle banche, le cosiddette Tltro, legate alla concessione di prestiti alle famiglie e alle imprese, in cui la Bce potrebbe trovarsi a pagare le banche per accettare la propria liquidità: la liquidità quadriennale avrà inizialmente un costo zero per le banche, ma se, dopo due anni, esse potranno provare di avere aumentato gli impieghi rispetto a un valore di riferimento calcolato sui dati al 31 gennaio scorso, il tasso diventerà negativo fino ad eguagliare quello sui depositi, ora pari a -0,40%, nel caso di una crescita degli impieghi superiore al 2,5%.

Un’iniziativa estrema, con cui di fatto la Bce si porrà nella posizione di pagare gli istituti perché diano ossigeno all’economia reale.

Tratto da Il Sole 24 ORE del 11/03/2016, pagina 3