Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Lavoro, le professioni più ricercate? Tecnici della vendita e commessi

Nasce l’osservatorio digitale dei servizi realizzato da Tabulaex, spin-off dell’Università di Milano-Bicocca, con la collaborazione di Crisp (Centro di Ricerca Interuniversitario per i Servizi di Pubblica utilità). Wollybi è una piattaforma basata sull’analisi dei Big Data che mette a disposizione due Osservatori: Mercato del Lavoro e Expo Milano 2015.

Come funziona La startup analizza gli annunci pubblicati dalle aziende sul web per studiarne le dinamiche. Il portale parte con circa 700mila annunci di lavoro analizzati –  le cosiddette job vacancies – a livello nazionale (aggiornato alla data del 31 dicembre 2014) ed aggiornato periodicamente. Le fonti provengono dai principali portali per l’offerta di lavoro in rete: i siti delle testate giornalistiche nazionali, i motori specialistici per l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, i siti delle maggiori Agenzie per il lavoro  con circa 700 mila job vacancies analizzate dal web, ed in continuo aggiornamento (i dati sono aggiornati al 31.12.2014),  offre una costante rappresentazione del Mercato del Lavoro in Italia, attraverso le esigenze espresse dalle aziende

 

Le professioni più ricercate a livello nazionale risultano essere di medio alto profilo e sono: tecnici della vendita e della distribuzione (circa 36 mila annunci), <b>commessi delle vendite al minuto (circa 25 mila), disegnatori tecnici (circa 23 mila), Conduttori di macchine utensili automatiche e semiautomatiche industriali (oltre22mila) e Analisti e progettisti di software (circa 20mila). A livello territoriale, calcolando il rapporto tra annunci pubblicati e popolazione attiva (15- 64anni), emergono per ciascuna professione alcune differenze legate alla domanda: ad esempio i Tecnici della vendita e della distribuzione vengono maggiormente richiesti in Valle d’Aosta, i Commessi in Lombardia,i disegnatori Tecnici in Emilia-Romagna, i Conduttori di macchine utensili in Veneto ed Emilia-Romagna e infine gli Analisti e progettisti software in Lombardia e Lazio. Qui di seguito il link all’articolo su Il Sole 24 Ore.com