Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

I supereroi al cinema e nei fumetti. Numeri di flop e successi annunciati

Negli ultimi dieci anni sono arrivati al cinema più di 30 film sui supereroi Marvel e DC Comics, le due maggiori case fumettistiche negli States e nel Mondo. Solo dal 2008 al 2017 contiamo 34 film che, in questo lasso di tempo, fanno parte di un universo nato e cresciuto sul grande schermo.

Ma sono stati tutti un successo di incassi e di critica? Quelli che hanno incassato di più, hanno anche un riscontro positivo di gradimento da parte del pubblico?

Per rispondere a queste domande, abbiamo costruito un’infografica che unisse gli incassi totali nel Mondo e il rating di gradimento associato a ogni film. I dati sono stati presi rispettivamente da BoxOfficeMojo e IMDB, due autorevoli siti statunitensi sul mondo del cinema.

Possiamo rispondere, quindi, che non c’è una vera correlazione tra gli incassi e il gradimento del pubblico quando si parla di film che hanno “sbancato” al botteghino, mentre non siamo sorpresi che quelle pellicole con un voto di gradimento basso abbiano incassato pochi milioni di dollari nel Mondo.

Un esempio lampante è Fantastic Four – I fantastici quattro, uscito in Italia nel settembre 2015, che ha avuto un rating di 4,3/10 e, infatti, ha incassato poco meno di 168 milioni di dollari. Batman v Superman: Dawn of Justice, al cinema nel marzo 2016, è una di quelle (poche) pellicole, invece, che hanno incassato molto (più di 850 milioni di dollari), ma non hanno avuto un voto particolarmente favorevole (solo 6,6/10 nel caso specifico).

Secondo voi potremmo comunque definire Batman v Superman un successo? Sicuramente lo è stato a livello di botteghino, anche se non ha retto il confronto con Captain America: Civil War, uscito a maggio 2016, né dal punto di vista degli incassi (più di 1.1 miliardi di dollari), né da quello del gradimento (7,8/10).

Ma davvero basta fare incassi per essere definito come un film di successo?

Master Comunicazione e Media Digitali 2017/201. Articolo realizzato dagli studenti dei Master della Business School del Sole 24 Ore

Simone Bonaccorso (@SimoneBonx)

insieme a

Luca Tremolada @lucatremolada,

Andrea Gianotti @andreagianotti 

Riccardo Saporiti @