Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
cronaca

Unioni civili, matrimoni e convivenze. Ecco cosa cambia in un grafico

Da domenica 5 giugno 2016 è entrata in vigore la legge 76 del 2016, la “Cirinnà”, dal cognome della prima firmataria e relatrice del Senato, Monica Cirinnà (Pd).

La legge fa debuttare le unioni civili per le persone dello stesso sesso: con la dichiarazione all’ufficiale dello stato civile, infatti, i partner si impegnano per la reciproca assistenza morale e materiale e a vivere sotto lo stesso tetto.

Inoltre, la legge Cirinnà regola le convivenze di fatto dichiarate all’anagrafe.

Ma vediamo le differenze tra le forme familiari coinvolte: matrimonio, unioni civili e convivenze di fatto.

Per quanto riguarda il diritto di famiglia, in tutti i casi i partner devono contribuire ai bisogni familiari e all’assistenza reciproca; possono accedere al regime di comunione dei beni o a quello di separazione; hanno il diritto di visita in caso di malattia e il diritto di risarcimento del danno se il partner muore per illecito di un terzo. Inoltre, se la relazione finisce e il rapporto si scioglie, il partner più debole può ottenere l’assegno di mantenimento (a esclusione delle convivenze di fatto, che però danno diritto agli alimenti, per un periodo proporzionale alla durata della convivenza).

Al contrario di ciò che impone il Codice civile alle coppie sposate, la legge 76 non cita l’obbligo di fedeltà per le unioni civili e per le convivenze di fatto. In tema di adozione, a eccezione di casi particolari in cui il giudice potrebbe autorizzarla, rimangono ancora escluse sia le coppie omosessuali legate da un’unione civile, sia i partner delle convivenze di fatto. La legge, infatti, esplicita che l’equiparazione tra i partner di unione civile e i coniugi non vale per la legge sull’adozione, la 184 del 1983.

Chiudere un’unione civile è molto più facile che sciogliere un matrimonio: tre mesi dopo avere dichiarato all’ufficiale dello stato civile la volontà di separarsi, le coppie omosessuali possono direttamente divorziare; i conviventi di fatto, invece, si possono lasciare senza alcuna formalità.

In tema di successioni, l’unione civile è parificata al matrimonio. I conviventi di fatto, invece, sono esclusi dall’eredità del partner.

Sul versante fiscale e come lavoratori, i partner delle unioni civili hanno lo stesso trattamento dei coniugi. Ai conviventi di fatto, invece, è solo riconosciuto il diritto di partecipare agli utili dell’impresa familiare.

In generale, alle convivenze di fatto la legge offre un ombrello di garanzie minime. E le tutele non sono previste per tutte le coppie di fatto, ma solo per quelle che sono registrate come conviventi all’anagrafe. I partner che, per le più svariate ragioni, hanno residenze diverse, restano fuori dall’ambito della legge.

Infine, la legge Cirinnà consente ai conviventi registrati all’anagrafe di sottoscrivere un “contratto di convivenza”, con l’aiuto di un avvocato o di un notaio, per regolare le questioni patrimoniali.

Tratto da Il Sole 24 ORE del 06/06/2016, pagina 9
Ultimi commenti
  • Kari |

    Sono veramente soddisfatto di questo servizio. Sono una di quelle persone che mi hanno detto: “non mi chiamerò mai psichico o mago o altro” per aiutarci con i miei problemi – almeno tutti i miei problemi d’amore, ma ho raggiunto il punto in cui sapevo che avevo bisogno di una guida e Sono contento di aver trovato questo uomo chiamato dr. Okosu.
     Non avrei mai mai pensato in un milione di anni che avrei scritto una lettera come questa, ma quando ho quasi perso Andrew in uno dei nostri stupidi combattimenti (mi ha rotto con me), ho pensato di aver perso tutto. Giorno e penso che non verrà mai più a me. Ho letto una testimonianza su internet condivisa da un uomo che dice come dr. Okosu lo ha aiutato a ritornare la sua moglie EX entro 48 ore. Mi sono rapidamente contattato sulla sua linea di soccorso e anche ritornare mio marito con i suoi poteri Grate.

    Quando ero al mio momento più disperato, non mi ha approfittato. Hai eseguito un ottimo servizio per me. Non so come lo abbia fatto, o come funziona questa magia, ma tutto quello che so è, funziona! Peter mio marito e io siamo felicemente tornati insieme e sarò sempre grato al dottor. Okosu. Email o chiamarlo per qualsiasi tipo di aiuto Egli è molto capace e affidabile. Sono una testimonianza vivente. Email: drokosu01@gmail.com whatsapp Linea: +2348119663571

  • Giuseppe FARINELLA |

    Ma se una persona volesse convivere con una cittadina Brasiliana che viene in Italia per motivi turistici e quindi con un il permesso di soggiorno valido solo 3 mesi ? E: possibile registrare la convivenza presso l’ufficio anagrafe del comune di residenza ???
    Grazie per la risposta.

  • Antonio |

    Su quale base una regolare convivenza registrata all’anagrafe con in aggiunta un contratto di convivenza, non può produrre un permesso di soggiorno al familiare extracomunitario, come unione registrata con cittadino UE (In questo caso italiano). La legge, oltre alla Cirinnà, è quella del 2007/n°30 che alla parola “Partener” include al 100% anche le unioni registrate. Ora con la possibilità di aver anche in Italia una registrazione ufficiale di convivenza (in quasi tutto Europa dove ci sono le convivenze registrati, gli stati membri rilasciano il permesso di soggiorno, la prima volta anche di 5 anni). Anche in questa occasione l’Italia vuole dimostrarsi, differente, come solito, ma un differente sempre e comunque in negativo. Nel mio caso, qualora ci fosse un diniego, ricorrerò al giudice monocratico, avendo in mia forze decine di documenti ufficiali. Chi si arroga il potere di “controllare” l’affetto di un libero cittadino? L’affetto o amore che dir si voglia, è ingabbiato in leggi o preconcetti? Penso proprio di no. Uno stato non può impedire ad un suo cittadino i provare affetto e solidarietà con qualsiasi persona voglia…. o siamo in una sorta di “coprifuoco”. Decine di sentenze di tribunali, hanno annullato, anche di recente, il diniego delle questure alla convivenze registrato (a volte anche non registrate) ed ora che in Italia dopo “secoli” ha una legge, leggo che non viene rilasciato un permesso di soggiorno….. Bah, se così sarà, questa nazione è proprio da buttare!!

  • Flavia |

    Le convivenze dovrebbero avere un margine di libertà maggiore

  • Valentina Maglione |

    Gentile Stefano, la convivenza di fatto non dà la possibilità di ottenere il permesso di soggiorno. Per maggiori chiarimenti, le consiglio di scrivere all’esperto risponde: http://www.ilsole24ore.com/espertorisponde

Suggeriti