Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
economia

Possesso di armi e omicidi: quanto è “armato” il tuo Paese?

Lo scorso 14 settembre sono state modificate le norme sul possesso di armi e dei relativi permessi. Il decreto legislativo 104, pubblicato il 10 agosto dalla Gazzetta Ufficiale, attua norme inserite nella direttiva europea 853/2017. L’Italia è tra i primi a farlo. In linea generale dall’introduzione del decreto acquistare e detenere un’arma in casa sarà molto più facile.

Le critiche sono insorte intorno all’attuale Governo, reo di aver seguito una direttiva europea ma, secondo i alcuni, in una maniera molto ampia. Le armi sportive detenibili, per fare un esempio, passeranno da 6 a 12. I colpi consentiti nei caricatori aumenteranno a 10 per le armi lunghe e a 20 per le armi corte, mentre oggi si attestano rispettivamente a 5 e 15. Sarà possibile detenere un’arma senza l’obbligo di avvisare i propri conviventi. Il deposito Italia potrebbe riempirsi più di quanto non lo sia attualmente. In un paese che è uno dei primi in Europa per numero totale di armi.

Quante armi in Italia e nel mondo?

Nel nostro paese si contano tra i 4 e i 10 milioni di armi da fuoco (la stima più plausibile è di 7 milioni). L’informazione arriva dallo Small Arms Survey. Un rapporto risalente a quasi 10 anni fa ma ancora oggi uno degli studi più accurati del settore. Tanto che anche il New York Times lo ha citato meno di un anno fa, all’interno dell’articolo intitolato What Explains U.S. Mass Shootings? International Comparisons Suggest an Answer.

Proprio a partire dallo Small Arms Survey e dai dati pubblicati sul sito dell’UNODC (United Nation Office of Drugs and Crime) si ricostruisce la situazione italiana. Un paese formica se paragonato agli irraggiungibili Stati Uniti. Eppure, primo paese del G8 per numero di omicidi commessi con armi da fuoco, pesati su 100mila abitanti.

L’Italia registra 0.71 omicidi per arma da fuoco ogni 10mila abitanti, precedendo tutti i principali paesi europei. Un dato che fa una certa impressione senza scatenare conseguenze. Siamo ancora lontani dall’avere un censimento meno datato e più dettagliato. Nonostante il Viminale sia in possesso di tali informazioni, almeno per quanto riguarda le armi regolarmente registrate. L’acquisto di un’arma deve infatti essere denunciato per legge entro le 72ore. Anche conoscere il numero di licenze non aiuta, visto che ogni licenza può essere associata a più armi.

Osserviamo i numeri del nostro report grafico, che riassume alcuni elementi chiave non solo per il nostro paese, ma anche per diverse nazioni di tutto il mondo. Nella grafica è possibile selezionare un paese dal menù a tendina.

 

Secondo le informazioni analizzate, in Italia sono presenti intorno ai 7 milioni di armi da fuoco e 11.9 armi ogni 100 persone. Un granello di sabbia in confronto ai 270 milioni di armi detenute sullo sconfinato suolo americano. Non poche se paragonate ad altri paesi europei. Germania e Francia ci precedono, rispettivamente a 25 e 19 milioni. Al contrario altre nazioni, come Spagna (4.5 milioni) e Inghilterra+Galles (che insieme raggiungono 3.4 milioni) rimangono dietro. Anche pesando il numero di armi sul numero di abitanti l’Italia segue Francia (31.2) e Germania (30.3) precedendo Spagna (10.4) e Inghilterra+Galles (6.2).

Se non stupisce il dato del gigante Stati Uniti, con 88.8 armi per 100 abitanti, più inaspettate le 45.7 armi ogni 100 persone della vicina Svizzera, che registra i numeri più alti d’Europa e, in generale, è seconda solo agli USA.

Perchè si detengono armi da fuoco?

Tra le fonti credibili sull’argomento è da tenere in considerazione il Report della commissione europea sulle armi da fuoco nell’Unione. Anche in questo caso non ci riferiamo a un monitoraggio recentissimo. Parliamo di un report del 2013 che, seppur datato, può darci indicazioni interessanti su come si ripartiscono le armi da fuoco in Europa e Italia.

L’Eurobarometro contiene un sondaggio relativo alla percezione dei cittadini sulle armi da fuoco. L’analisi è stata sviluppata in 28 stati membri, tra il 16 e il 18 settembre 2013. L’intervista ha interessato un campione di 26555 cittadini europei di diversi gruppi sociali e demografici ed è stata svolta telefonicamente nella madre lingua degli intervistati.

Una delle domande del sondaggio si concentra sui motivi per cui le armi da fuoco sono detenute o vengono usate. Nella grafica abbiamo riassunto le percentuali di risposta (da tenere presente che il sondaggio prevedeva risposta multipla).

 

Tra coloro che possiedono o usano armi da fuoco oltre un terzo (35%) ha indicato come motivo la caccia, mentre ragioni professionali (servizio nelle forze dell’ordine o nell’esercito) sono indicate da un terzo degli intervistati (29%). Quasi un quarto (23%) utilizza armi per la pratica sportiva.

Il caso Italiano differisce leggermente rispetto ai numeri degli stati membri nel loro complesso. Sono il 38% i cittadini che usano armi per motivi professionali, superando la media europea mentre una percentuale sul livello delle altre nazioni europee riguarda la difesa personale (8%).

Nel mezzo dei numeri che possiamo leggere e elaborare, la vera notizia è il totale disinteresse sull’argomento in tempi recenti. La questione reale è come avvicinarsi a numeri il più possibile veritieri nel 2018.

Ultimi commenti
  • Luca Tremolada |

    Rispondiamo. Qui trovate il link al decreto legislativo 104, pubblicato il 10 agosto dalla Gazzetta Ufficiale, attua norme inserite nella direttiva europea 853/2017. L’Italia è tra i primi a farlo. In linea generale dall’introduzione del decreto acquistare e detenere un’arma in casa sarà molto più facile. Qui trovate una seconda fonte che parla dei nuovi obblighi http://www.cn24tv.it/news/180691/entra-in-vigore-il-nuovo-decreto-sicurezza-ecco-le-novita-per-i-detentori-di-armi.html La direttiva comunitaria sul tema della detenzione delle armi è decisamente meno restrittiva rispetto alla normativa in vigore fino ad oggi.

  • Luca Tremolada |

    Rispondiamo. Qui trovate il link al decreto legislativo 104, pubblicato il 10 agosto dalla Gazzetta Ufficiale, attua norme inserite nella direttiva europea 853/2017. L’Italia è tra i primi a farlo. In linea generale dall’introduzione del decreto acquistare e detenere un’arma in casa sarà molto più facile. Qui trovate una seconda fonte che parla dei nuovi obblighi http://www.cn24tv.it/news/180691/entra-in-vigore-il-nuovo-decreto-sicurezza-ecco-le-novita-per-i-detentori-di-armi.html La direttiva comunitaria sul tema della detenzione delle armi è decisamente meno restrittiva rispetto alla normativa in vigore fino ad oggi.

  • Francesco Coco |

    Oltre ai rilievi corretti dei vari utenti sui rilievi scorretti (o “glissati”), presenti in questo “articolo”…, vorrei far notare anche l’approssimazione del linguaggio e/o dell’infografica.

    Cioè p.e.: “Sono il 38% i cittadini che usano armi per motivi professionali, superando la media europea mentre una percentuale sul livello delle altre nazioni europee riguarda la difesa personale (8%)”, che significa, visto che in tale colonna della difesa personale (come in altre), i valori variano (più alti e più bassi)? Non comunica niente e non suscita nemmeno domande pertinenti.

    Inoltre, sotto prima tabella (omicidi ogni 100,ooo abitanti), segue il seguente testo “L’Italia registra 0.71 omicidi per arma da fuoco ogni 10mila abitanti”: 10mila nel testo e non 100,000 come la tabella.

    Insomma, falso, tendenzioso, approssimativo, ortograficamente, graficamente e giornalisticamente scorretto.

  • Alessandro |

    Come vi hanno già fatto notare quanto scritto da voi è tutto una fake news,visto che possedere armi in Italia non è affatto più facile, la norma non riguardava il come possedere un’arma,ma le tipologie di armi che si possono possedere,le quali vengono ristrette non ampliate(armi prima legalmente acquistabili con titolo ora sono vietate senza particolari licenze).
    Riguardo agli studi da voi citati che vorrebbero mettere in relazioni armi legalmente detenute e omicidi,mi dovreste spiegare come mai Brasile e Messico hanno tasso di omicidi mostruosi(oltre 10volte gli USA) a fronte di legislazioni sulle armi altamente restrittive,mentre Svizzera e Repubblica Ceca al contrario pur con leggi abbastanza permissive hanno tassi di omicidio tra i più bassi al mondo.
    Aspetto una vostra analisi,ma credo che mai arriverà.

  • Stefano Mortini |

    Un articolo che comincia con una fake news clamorosa, quale credibilita’ puo’ avere?
    E’ assolutamente falso, vergognosamente falso che sia piu’ semplice o facile detenere un’arma dopo l’accoglimento della direttiva europea. Anzi, per alcune tipologie di armi e’ diventata vietata la detenzione oppure sono diventati piu’ stringenti i vincoli per l’autorizzazione all’acquisto.
    Inutile discutere del resto.
    Sciocco e’ poi cercare una correlazione tra possesso di armi e reati commessi con armi.
    I delinquenti non vanno in armeria a comprar armi, anche un bambino lo capirebbe…

Suggeriti