Indica un intervallo di date:
  • Dal Al
norme

In Sardegna viene erogata una pensione di invalidità ogni 10 abitanti.

Gli invalidi di Oristano e Lecce sono più del triplo di quelli di Treviso e Milano. E’ una delle evidenze che si notano analizzando i dati Istat sulle pensioni di invalidità e invalidità civile e rapportandoli alla popolazione residente. Si scopre così che in alcune regioni i valori sono nettamente più alti della media italiana.

I dati sono stati pubblicati da Istat e sono riferiti all’anno 2016. In Sardegna, ad esempio, in sei province su otto si supera il 10%, cioè vi è una pensione di invalidità erogata ogni 10 abitanti. In Calabria la percentuale oltrepassa, in ogni provincia, l’11%.

A guardare come la cartina è colorata, si nota come le aree con la maggiore incidenza siano quelle della dorsale appenninica e, in parte, alpina. Oltre al caso sardo, fanno però eccezione le province di Lecce, dove vengono erogate 117mila pensioni su una popolazione complessiva di 804mila abitanti e Messina, con 82mila assegni su 640mila residenti.

Un dato particolarmente evidente riguarda la Basilicata: a Potenza la percentuale arriva all’11,6% mentre a Matera si ferma al 7,1%.

Sempre con lo stesso dataset è possible capire quanto ricchi siano gli assegni per tipologia e provincia. Ebbene, in questo caso stravincono le grandi città rispetto alle province di più piccole dimensioni. E’ Milano quella con gli importi più elevati: in media, una pensione eroga più di 15mila euro (lordi). Anche nella capitale, che segue a ruota, si registrano valori simili. A Crotone, invece, è oltre un terzo in meno, non arrivando a 9.500 euro.

Filtrando con il menù a tendina per le diverse tipologie si scopre che Roma stacca tutte le altre province per assegni di pensioni di anzianità e vecchiaia: A Fermo, ultima in classifica, la quota media è di 13.400 euro, mentre nella capitale la cifra è il 70% in più, superando i 22mila euro.