Info Data Blog


Le notizie raccontate con i numeri

24 Luglio 2014

Equitalia, 475 miliardi da recuperare

scritto da Infodata

Valgono un quinto del debito pubblico le somme che i contribuenti italiani devono pagare a Equitalia: 474,5 miliardi di euro. Una cifra enorme, in gran parte derivante dall’evasione fiscale, e che tra l’altro conteggia solo i ruoli affidati al concessionario dalle Entrate alla data del 31 dicembre 2013. Ma in alcuni casi si sa già che il recupero sarà quasi impossibile: il 25% dei debiti con il Fisco – oltre 120 miliardi – è a carico di soggetti falliti. Le imposte, le sanzioni e gli interessi non versati dai contribuenti ad Equitalia ammontano a 474,5 miliardi, cifra fornita dal sottosegretario all'Economia Enrico...

24 Luglio 2014

Milano-Roma, dove tiene il mercato

scritto da Infodata

Comprare casa o rinviare l’acquisto? È un dilemma più che mai reale di questi tempi, con un mercato immobiliare in fase riflessiva dopo la grande discesa e prezzi che non torneranno a salire fino al 2015, e forse anche più avanti. Ma il mattone in Italia non ha una sola faccia e se la seconda casa è un segmento dimenticato e l’investimento da mettere a reddito nel real estate residenziale non conosce una ripresa ci sono situazioni più positive di altre, soprattutto per la prima casa. L'agenzia delle Entrate ha registrato un miglioramento delle compravendite nei grandi centri italiani: nel primo trimestre 2014, con circa...

24 Luglio 2014

Collaborazioni a progetto tagliate del 24% in tre anni

scritto da Infodata

L’unico a "tenere", nelle assunzioni, è il contratto a termine. Nelle attivazioni di nuovi rapporti di lavoro, dal 2011 al 2013, perdono terreno i contratti a tempo indeterminato (-14,2%), l’apprendistato (-18,4%), i contratti di collaborazione, per lo più a progetto (-24,3%) e il lavoro a chiamata, insieme al contratto di agenzia (-31,6%). È la fotografia della qualità dei rapporti avviati negli ultimi tre anni, a cavallo della riforma «Fornero» del luglio 2012. Dopo la riforma «Fornero» sono andati riducendosi, a favore del contratto a termine, le formule contrattuali ritenute a rischio di abusi come le collaborazioni a...

23 Luglio 2014

L’edilizia torna ai livelli del 1967

scritto da Infodata

L’edilizia è tornata ai livelli del 1967: la lunga e profonda crisi ha portato al settore un arretramento di 47 anni. Lo dice Paolo Buzzetti, presidente dell’Ance, all’assemblea dei costruttori, evocando un «piano B», un decreto legge – dice – che consenta alle imprese di chiudere senza conseguenze. Ma è una provocazione subito chiarita: i costruttori vogliono ancora stare dalla parte dell’Italia che torna a crescere e per ripartire l’edilizia ha bisogno subito di un «piano Marshall». Secondo i dati elaborati dall'Associazione Nazionale Costruttori Edili, dopo la crisi che ha portato alla chiusura di 70 mila...

23 Luglio 2014

Albi, l'inarrestabile discesa dei nuovi iscritti

scritto da Infodata

Medici, architetti, psicologi o avvocati: negli ultimi dieci anni, gli aspiranti al tesserino di un Ordine professionale che si sono presentati agli esami si sono ridotti di oltre un quarto (-27,3%). Più stretta anche la via dell’accesso: un terzo in più dei candidati non ha superato gli esami di abilitazione. La crisi ha colpito di più gli uomini: la categoria si è quasi dimezzata, passando dai 30 mila nuovi ingressi del 2003 ai 18 mila del 2012, mentre le donne hanno "tenuto" meglio con una flessione delle abilitazioni pari "solo" al 19 per cento. I dati del Ministero dell'Istruzione elaborati dal Sole 24 Ore registrano, dal...

22 Luglio 2014

Il lavoro dei giovani? In recupero commessi, operai e informatici

scritto da Infodata

Più operai metalmeccanici, commessi e informatici. Meno magazzinieri, manovali edili e tecnici amministrativi. La crisi non si fa sentire allo stesso modo e, se in generale le offerte di lavoro per i giovani sono ancora poche e in calo rispetto all’anno scorso, per alcune figure professionali ci sono maggiori sbocchi. Secondo il report realizzato dal centro studi Datagiovani sulle ultime previsioni di assunzione per gli under 30 nelle aziende italiane, sono circa 56 mila i posti messi in palio nel secondo trimestre del 2014, di cui circa 23 mila per andare a ricoprire picchi di attività stagionali. Secondo gli studi di Datagiovani...

21 Luglio 2014

Sempre meno «rifugi sicuri» all’estero

scritto da Infodata

Il cerchio contro l’evasione fiscale internazionale e i paradisi offshore si stringe mese dopo mese. E se i processi di adeguamento degli ordinamenti nazionali non sempre sono spediti, il numero dei Paesi che aderiscono ai sistemi di scambio automatico dei dati finanziari attraverso accordi bilaterali con gli Usa fondati sul Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act) oppure sulla base dei meccanismi multilaterali messi a punto dall’Ocse cresce costantemente. Sarà così sempre più difficile detenere illegalmente beni e capitali all'estero, e trovare aree al sicuro dal segreto bancario: fra marzo e giugno infatti ben 63 Paesi hanno...

19 Luglio 2014

In quattro mosse le tecnologie in azienda

scritto da Infodata

Sono quattro le tendenze tecnologiche nelle aziende italiane, se guardiamo alle priorità di investimento quest'anno: big data, cloud, mobilità e Crm (servizi digitali per migliorare il rapporto con i clienti). Consideriamoli quattro spiragli di ottimismo in un quadro mediamente negativo, per la spesa Ict aziendale in Italia. La vera novità 2014 forse è proprio il big data, semi sconosciuto fino a pochi mesi fa alle aziende italiane. Secondo le stime degli Osservatori Ict del Politecnico di Milano, sono le aziende medio-grandi a investire di più e per prime nelle aree di business intelligence e big data analytics (quasi il 40%...

18 Luglio 2014

Esportazioni, riparte l’extra Ue

scritto da Infodata

Prosegue il periodo positivo per la bilancia commerciale italiana, nonostante il livello elevato dell’euro. In base alle rilevazioni Istat relative al maggio scorso, gli scambi con l’estero registrano un saldo positivo di 3,7 miliardi, in linea con i 3,9 miliardi di avanzo registrati nello stesso mese del 2013. Un dato superiore a quello rilevato in Germania nello stesso mese. L’Istat sottolinea inoltre che maggio si è chiuso in attivo sia con i Paesi extra Ue (+2,5 miliardi) sia con quelli Ue (+1,2 miliardi). L'Istat conferma il consolidamento del made in Italy nei mercati extra UE: i dati di maggio registrano un incremento...

17 Luglio 2014

Produzione giù, ripresa a rischio

scritto da Infodata

L’attività industriale cala, la ripresa di Eurolandia va in stallo. È particolarmente brutto il dato sulla produzione industriale di maggio nell’ Unione monetaria: è risultata in calo dell’1,1% mensile (la peggior flessione congiunturale da settembre 2012), cancellando del tutto il balzo dello 0,7% di aprile che aveva fatto ben sperare per l’andamento della primavera. Il dato Eurostat conferma il calo già emerso nelle grandi economie: -1,1% a maggio. Uno scenario preoccupante che ha toccato tutti i paesi, alcuni anche al di fuori di Eurolandia, da cui si sottraggono solo alcuni tra i paesi più piccoli e l'Olanda. Unico...