Info Data Blog


Le notizie raccontate con i numeri

02 Ottobre 2014

La lunga crisi: resta la deflazione e arretra il Pil

scritto da Infodata

L’Italia rimane in deflazione anche a settembre: -0,3% rispetto al mese precedente. E a raffreddare sempre di più i prezzi, secondo i dati dell’Istat, sono ancora l’energia, le comunicazioni e gli alimentari. A peggiorare il quadro macroeconomico ieri è arrivata anche la nota mensile Istat che prevede una nuova flessione del Pil nel terzo trimestre dell’anno, una revisione al ribasso rispetto all’intervallo di +0,2%/-0,2% della precedente stima. La causa è la contrazione del Pil nel secondo trimestre dello 0,2%. Secondo i dati Istat l'indice nazionale dei prezzi al consumo è calato a settembre dello 0,1% su base annua. I...

01 Ottobre 2014

Commercio internazionale: i numeri dietro il negoziato Usa-Ue

scritto da Infodata

Un primo accordo nel primo semestre 2015? Allo stato attuale sono in pochi a crederci (almeno nei corridoi di Bruxelles). Il Ttip (il Transatlantic Trade and Investment Partnership, ovvero l’accordo di libero scambio in discussione da un anno e mezzo tra Usa e Ue) si rivela in alto mare. Un’agenda molto fitta tra barriere tariffarie, non tariffarie e meccanismi di risoluzione delle controversie transfrontaliere che stanno facendo storcere il naso di commissari e Stati Ue. Lunedì 29 settembre presso la sede di Assolombarda a Milano si è tenuto un convegno sullo stato di avanzamento della partnership transatlantica e...

01 Ottobre 2014

Sanità pubblica: ticket cari e tempi di attesa infiniti. I numeri del Rapporto Pit Salute

scritto da Luca Tremolada

Liste d'attesa infinite, peso dei ticket, intramoenia insostenibile: sono queste le tre voci principali del cahier de doléances che compone quasi un quarto (per la precisione il 23,7%, +5,3% rispetto al 2012) delle oltre 24mila segnalazioni volontarie trasmesse dai cittadini nel 2013 al Pit salute nazionale e regionali e alle sedi locali del Tribunale per i diritti del malato. Qui l'articolo online su Il Sole 24 Ore Sanità  I dati contenuti nel 17esimo Rapporto Pit Salute '(Sanità) in cerca di cura', presentato oggi a Roma dal Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva scattano una foto condizionato dai malumori dei...

01 Ottobre 2014

Crisi ucraina: come è composta la fattura energetica in Italia

scritto da Infodata

Non c’è bisogno di accaparrare legna per l’inverno: la crisi ucraina (forse) non avrà conseguenze per i termosifoni degli italiani. Lo pronostica il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, e secondo Marta Dassù, già sottosegretaria e viceministra agli Esteri con i governi Monti e Letta e oggi direttrice di Aspenia (Aspen Institute), la crisi ucraina diventerà forse una situazione «congelata, un po’ com’è accaduto per la Transnistria», staterello sconosciuto ai più che si trova fra Moldavia e Ucraina. Sono queste alcune delle affermazioni emerse durante la giornata d’esordio della quattoridicesima edizione...

01 Ottobre 2014

SOS Tasi : spunta l'insidia su negozi e case sfitte

scritto da Infodata

Dici Tasi e pensi alla prima casa, ma non è sempre così. Anzi. In un Comune su due, la nuova imposta sui servizi municipali colpisce anche i fabbricati diversi dall’abitazione principale. Di fatto, il 51,7% dei sindaci ha applicato la Tasi anche alla voce «altri immobili», con un’aliquota media dell’1,31 per mille. Il risultato è un’addizionale all’Imu che farà aumentare anche quest’anno il livello delle tasse sul mattone, almeno in quelle città che hanno sfruttato i margini di incremento concessi dalle norme nazionali. La Tasi dunque non andrà a colpire solo l'abitazione principale ma anche case sfitte, negozi e...

30 Settembre 2014

Fisco, tassa «piatta» al 15% su mini-imprese e autonomi

scritto da Infodata

Aliquota unica al 15 per cento. Soglie di ricavi massimi differenziate per le diverse categorie di attività, in un range che va da 25mila a 55mila euro. Coefficienti di redditività graduati in modo diverso per ogni categoria. Sono queste le direttrici su cui si muoverà il nuovo regime forfettario riservato alle mini-imprese, e destinato a spazzare via i vari regimi semplificati oggi esistenti, compreso quello dei minimi che oggi pagano l’aliquota del 5 per cento. I regimi ficali, già anticipati da Il Sole 24 Ore, saranno tre: un regime forfettario, uno ordinario e uno semplificato, nuovo per il nostro sistema fiscale dal momento...

30 Settembre 2014

Europa, dove costa meno un caffè? E un biglietto per il cinema? E la birra? (Eurostat)

scritto da Luca Tremolada

Le differenze sono legate all'Iva e alle tasse locali. Qui sono spiegati nel dettaglio i criteri della ricerca di Eurostat. Si scopre così sfogliando i 193 prodotti presi in esame che le differenze possono in taluni casi essere sostanziali. Per esempio, un chilo di zucchero costa solo 0,86 euro al Kg mentre in Irlanda schizza a 1,35 €/kg. Le sigarette sono il prodotto che meglio descrive le differenze da paese a paese: in Bulgaria si registra il prezzo medio più basso (2.45 euro per pacchetto). Anzi, in realtà esistono ben 8 Paesi che hanno un prezzo inferiore ai tre euro a pacchetto. In Irlanda e Gran Bretagna servono invece...

30 Settembre 2014

Quanto vale oggi il mondo Windows? Tutti i numeri del mercato dei sistemi operativi per Pc

scritto da Luca Tremolada

  Vale la pena ricordarlo ma Windows è dentro a nove computer desktop su dieci. Se sommiamo i sistemi operativi di Redmond arriviamo a una quota di mercato del 90,94% per pc; Mac Os di Apple si attesta sotto il 7% mentre i computer che girano con Linux sono l'1,5%. I dati della "torta" sono relativi all'agosto di quest'anno e non deve stupire le basse percentuali di Windows 8. Ad aprile di quest'anno quando Microsoft decise di pensionare Xp, tutti o quasi (la metà) sono corsi su Windows 7 lasciando alla versione 8.0 e 8.1 un pc su nove.  La quota di installato combinata delle due versioni di Windows ha superato la barriera...

30 Settembre 2014

Nella ricerca del lavoro i giovani sono più flessibili a Nord-Est

scritto da Infodata

Lo spirito di ricerca del lavoro da parte dei giovani? I liguri sono imbattibili. Come tenacia invece primeggiano i veneti e i più desiderosi di mettersi in proprio sono i toscani. Per trovare la maggiore flessibilità bisogna spostarsi nelle Marche per turni e orari e in Friuli-Venezia Giulia per tipologie contrattuali. Ai sardi, infine, va il primato per disponibilità agli spostamenti. Dalla classifica elaborata dal centro studi Datagiovani per il Sole 24 Ore emerge una situazione complessiva che rispecchia la frattura tra Nord e Sud del Paese. In vetta alla classifica si trova il Friuli-Venezia Giulia che vince per flessibilità...

29 Settembre 2014

Sull’Europa l'incognita energia legata ai conflitti in Europa e Medio Oriente

scritto da Infodata

I molti conflitti che scuotono il mondo (dall’Ucraina al Medio Oriente, passando per l’intero Nordafrica), fino a pochi mesi fa impensabili per virulenza e diffusione, che impatto avranno sul nostro futuro energetico? A questa domanda, cruciale per le economie occidentali, proverà a dare una risposta il 14° «Italian Energy Summit», incontro ormai tradizionale nel panorama dei più autorevoli convegni energetici europei, che si apre oggi nella sede del Sole 24 Ore. Il conflitto tra Kiev e Mosca ha portato alla luce la debolezza energetica dell’Europa, che l’anno scorso ha acquistato dalla Russia il 39% del gas e il 33% del...