Info Data Blog


Le notizie raccontate con i numeri

20 Novembre 2014

Dove sono i 50 aeroporti più belli (e più grandi) del mondo?

scritto da Luca Tremolada

Secondo i dati di Aci Airports Council International relativi al mese di settembre negli scali dell’Ue i passeggeri sono aumentati del 3,8% (anno su anno). Negli scali non Ue del Vecchio Continente (Islanda, Norvegia, Russia, Svizzera e Turchia) la crescita è stata del 4,3%. Le rilevazioni fotografano il traffico in 450 aeroporti europei. Nel 2013 in questi scali hanno volato 1,7 miliardi di passeggeri e 7,8 milioni di tonnellate di merci. Durante settembre invece i passeggeri sono stati 25 milioni. Fonte Aci.aero. Dataviz: Andrea Gianotti.

19 Novembre 2014

India, Pakistan e Turchia in testa nella classifica dei censori su Facebook

scritto da Luca Tremolada

Il transparency report è un documento che tiene conto delle richieste che i Governi rivolgono a Facebook. Viene aggiornato ogni sei mesi. L'ultimo refresh è di qualche settimana fa. Sfogliando le statistiche scopriamo che in sei mesi le richieste sono aumentate del 24% rispetto al semestre precedente. Facebook, ricordiamo, si limita a comunicare il numero di richieste di rimozione dei contenuti. Da gennaio a giugno sono 35mila indagini avviate dai Governi su una popolazione del social network di 1,3 miliardi di utenti. Per dare un peso a questo numeri è bene ricordare che Google nello stesso periodo ha ricevuto 32 mila...

19 Novembre 2014

Export: le Pmi italiane a confronto con Germania e Spagna

scritto da Infodata

Per fortuna che c’è il salvagente dell’export, spiegano – dal 2007 – politica, economia e confermano (si veda Il Sole 24Ore di ieri) i dati Istat sul commercio estero. Anche se per le Pmi italiane (il 95% del tessuto nazionale) raggiungere Cina o Brasile, avere manager, capitali da investire nel lungo periodo e spesso anche solo parlare un fluent english ancora rappresenta un mix di problemi. I dati confermano che in termini di internazionalizzazione le Pmi tedesche ma anche spagnole fanno meglio di quelle italiane. In merito al contributo delle esportazioni alla crescita del Pil, dal 2007 al 2013 si parla invece di 7,5 punti...

19 Novembre 2014

Le statistiche di genere. La disparità tra uomini e donne nel mondo

scritto da Luca Tremolada

Dopo tanto parlare sui giornali e in tv di quote rosa, partecipazione femminile e altri argomenti di genere ci siamo convinti a rappresentare la disparità di genere nel mondo utilizzando i dati della Banca Mondiale. Si è scelto di misurare le differenze tra maschi e femmine  attraverso una decina di voci. Ci siamo concentrati sulla condizione di lavoro (dipendente, autonomo, part-time, ecc), sul livello di istruzione e sullo stato economico (carte di credito intestate ecc). Nel riquadro in alto l'intensità del colore rosa legge i valori delle donne rispetto agli uomini. Nel riquadro in basso dell'infografica interattiva ci siamo...

18 Novembre 2014

Come misurare le performance dei nostri manager? Scopri quanto vale la governance delle aziende quotate

scritto da Luca Tremolada

I consigli d’amministrazione più pagati sono quelli di Intesa, Prysmian e Mediobanca con costi di governance superiori ai 10 milioni di euro. In fondo alla classifica Yoox, Saipem e Ansaldo. È quanto emerge nello studio sui compensi dei consigli di amministrazione a cura dell' Osservatorio Executive Compensation e Corporate Governance della Luiss Business School. I compensi dei vertici aziendali non sono espressione diretta e proporzionale delle performance delle imprese che sono dirette. Analizzando la governance delle prime 40 società per capitalizzazione quotate in Italia emergono tendenze in atto da alcuni anni. Il costo dei...

18 Novembre 2014

Catania prima per furti d'auto, a Foggia picco di estorsioni: ecco la mappa dei reati

scritto da Michela Finizio

Quasi 2,9 milioni di reati denunciati nel 2013, con una media di 4.756 delitti ogni 100mila abitanti. Sono questi i dati che emergono dall'elaborazione dei dati forniti al Sole 24 Ore dal ministero dell'Interno. Nel dettaglio, gli scippi restano stabili e diminuiscono le auto rubate nelle diverse province italiane. Sono, invece, oltre 251mila le abitazioni svaligiate (+6%): colpite in particolare le zone di Asti e Pavia. Salgono, infine, del 12% i taccheggi, mentre per le rapine spetta a Napoli il record negativo per numero e frequenza. Articolo: Rossella Cadeo - Dataviz Andrea Gianotti

17 Novembre 2014

La sanità italiana è terza nel mondo per efficienza

scritto da Luca Tremolada

I dati sono di agosto e sono presi dalla banche dati della Banca Mondiale, Fmi, Oms e del dipartimento di salute di Hong Kong. Ogni sistema sanitario è valutato in base a tre criteri: l'aspettativa di vita (vale il 60% dell'indice), il costo delle cure in percentuale sul Pil (30%) e le spese mediche totali pro-capite (10%). Quest'ultima voce comprende anche le spese per le campagne di prevenzione, quella sull'alimentazione, il pronto soccorso e le attività per le famiglie. La classifica di Bloomberg si basa sui paesi con una popolazione di almeno 5 milioni di persone, un pil pro capite superiore a 5.000 dollari e un'aspettativa di...

17 Novembre 2014

Ecco il decennio perduto del Pil, così l'Italia è diventata più povera

scritto da Alberto Annicchiarico

Crescita fino al 2006, poi la caduta rovinosa innescata dalla grande crisi dei debiti sovrani, esplosa con il contagio partito dalla finanza americana malata di mutui subprime. Infine la risalita, ma non per tutti. Men che meno per l'Italia. Che anzi è l'unico tra i nove Paesi dell'area euro presi in esame (il Regno Unito, com'è noto, è nell'Unione europea ma ha conservato gelosamente la propria moneta) a non mostrare segni di ripresa. Sono dati noti, è vero, ma vederli espressi in un confronto così nitido rende ancora più evidente la difficoltà strutturale in cui versa l'economia italiana. I numeri non mentono e, se negativi,...

14 Novembre 2014

Il valore del commercio internazionale nel 2013

scritto da Infodata

Come la Fondazione Edison illustrerà nell’imminente summit dell’Aspen Institute Italia di Torino su "Manifatturiero e società nel XXI secolo", esistono indicatori di competitività dei sistemi industriali molto più sofisticati, autorevoli e aderenti alla realtà che l’Ue dovrebbe utilizzare. Innanzitutto, c’è il Competitive industrial performance index dell’Unido che, rispetto al Wef, posiziona nella classifica mondiale la Germania prima e non quinta, l’Italia nona e non quarantanovesima, la Francia undicesima e non ventitreesima. Secondo le graduatorie di competitività dell’International Trade Centre la Germania nel...

14 Novembre 2014

Cina prima per spesa in ricerca e sviluppo, entro il 2019. E l'Italia?

scritto da Alberto Annicchiarico

L'austerità picchia duro, anche sull'innovazione. Le economie avanzate - Stati Uniti, Unione europea, Giappone - trovano sempre meno risorse per spingere sull'acceleratore degli investimenti in ricerca e sviluppo e spalancano non porte ma portoni a chi di soldi da spendere ne ha a palate grazie al suo gigantesco surplus commerciale, la Cina. Di più, Pechino si candida, secondo uno studio dell'OCSE, a diventare il top spender in fatto di ricerca scientifica e tecnologica, pubblicazioni e perfino nuovi brevetti. La data? non è poi così lontana, il 2019. Con la spesa per ricerca che ancora non è tornata sui livelli precrisi, si...