Info Data Blog


Le notizie raccontate con i numeri

22 Luglio 2014

Il lavoro dei giovani? In recupero commessi, operai e informatici

scritto da Infodata

Più operai metalmeccanici, commessi e informatici. Meno magazzinieri, manovali edili e tecnici amministrativi. La crisi non si fa sentire allo stesso modo e, se in generale le offerte di lavoro per i giovani sono ancora poche e in calo rispetto all’anno scorso, per alcune figure professionali ci sono maggiori sbocchi. Secondo il report realizzato dal centro studi Datagiovani sulle ultime previsioni di assunzione per gli under 30 nelle aziende italiane, sono circa 56 mila i posti messi in palio nel secondo trimestre del 2014, di cui circa 23 mila per andare a ricoprire picchi di attività stagionali. Secondo gli studi di Datagiovani...

21 Luglio 2014

Sempre meno «rifugi sicuri» all’estero

scritto da Infodata

Il cerchio contro l’evasione fiscale internazionale e i paradisi offshore si stringe mese dopo mese. E se i processi di adeguamento degli ordinamenti nazionali non sempre sono spediti, il numero dei Paesi che aderiscono ai sistemi di scambio automatico dei dati finanziari attraverso accordi bilaterali con gli Usa fondati sul Fatca (Foreign Account Tax Compliance Act) oppure sulla base dei meccanismi multilaterali messi a punto dall’Ocse cresce costantemente. Sarà così sempre più difficile detenere illegalmente beni e capitali all'estero, e trovare aree al sicuro dal segreto bancario: fra marzo e giugno infatti ben 63 Paesi hanno...

19 Luglio 2014

In quattro mosse le tecnologie in azienda

scritto da Infodata

Sono quattro le tendenze tecnologiche nelle aziende italiane, se guardiamo alle priorità di investimento quest'anno: big data, cloud, mobilità e Crm (servizi digitali per migliorare il rapporto con i clienti). Consideriamoli quattro spiragli di ottimismo in un quadro mediamente negativo, per la spesa Ict aziendale in Italia. La vera novità 2014 forse è proprio il big data, semi sconosciuto fino a pochi mesi fa alle aziende italiane. Secondo le stime degli Osservatori Ict del Politecnico di Milano, sono le aziende medio-grandi a investire di più e per prime nelle aree di business intelligence e big data analytics (quasi il 40%...

18 Luglio 2014

La mappa dei disastri aerei dagli anni Settanta a oggi

scritto da Andrea Gianotti

Nella tragedia del Boeing 777 MH17, abbattuto da un missile terra-aria al confine fra Ucraina e Russia sulla rotta Amsterdam-Kuala Lumpur  hanno perso la vita  298 persone, fra cui 80 bambini e 189 olandesi. Qui il primo comunicato ufficiale della compagnia aerea. La cronaca su ilsole24ore.com. Wikipedia ha censito i grandi disastri aerei (con più di 50 vittime come conseguenza), sia incidenti (su voli civili e militari) che attentati. L'articolo su ilsole24ore.com.

18 Luglio 2014

Esportazioni, riparte l’extra Ue

scritto da Infodata

Prosegue il periodo positivo per la bilancia commerciale italiana, nonostante il livello elevato dell’euro. In base alle rilevazioni Istat relative al maggio scorso, gli scambi con l’estero registrano un saldo positivo di 3,7 miliardi, in linea con i 3,9 miliardi di avanzo registrati nello stesso mese del 2013. Un dato superiore a quello rilevato in Germania nello stesso mese. L’Istat sottolinea inoltre che maggio si è chiuso in attivo sia con i Paesi extra Ue (+2,5 miliardi) sia con quelli Ue (+1,2 miliardi). L'Istat conferma il consolidamento del made in Italy nei mercati extra UE: i dati di maggio registrano un incremento...

17 Luglio 2014

Quasi un italiano su dieci che praticava sport, anche solo saltuariamente, ha smesso di farlo

scritto da Andrea Gianotti

Calano gli italiani che praticano lo sport. L'Istat ha rilasciato un set di dati aggregati sulla pratica sportiva in Italia. Alcuni tra quelli più significativi sono stato riportati nell'infografica interattiva. -2.9%: tra la popolazione di 3 o più anni, il numero di quelle che praticano sport (con continuità oppure occasionalmente) è sceso ogni anno dal picco del 2010 (32.9%), fino al 30% attuale. Quasi un italiano su dieci che praticava sport, anche solo saltuariamente, ha smesso di farlo. Trentino-Alto Adige/Südtirol: è la regione nella quale il maggior numero di persone di 3 o più anni hanno praticato sport in modo...

17 Luglio 2014

Produzione giù, ripresa a rischio

scritto da Infodata

L’attività industriale cala, la ripresa di Eurolandia va in stallo. È particolarmente brutto il dato sulla produzione industriale di maggio nell’ Unione monetaria: è risultata in calo dell’1,1% mensile (la peggior flessione congiunturale da settembre 2012), cancellando del tutto il balzo dello 0,7% di aprile che aveva fatto ben sperare per l’andamento della primavera. Il dato Eurostat conferma il calo già emerso nelle grandi economie: -1,1% a maggio. Uno scenario preoccupante che ha toccato tutti i paesi, alcuni anche al di fuori di Eurolandia, da cui si sottraggono solo alcuni tra i paesi più piccoli e l'Olanda. Unico...

17 Luglio 2014

L’Italia delle 671 opere incompiute

scritto da Infodata

Sono 671 le incompiute italiane. Un "cimitero" diffuso di scheletri di cemento dall’enorme valore andato in fumo, per colpa della burocrazia, della mancanza di fondi, delle battaglie giudiziarie, dell'assenza di consenso e dell’incapacità di pianificare, oltre che dei fallimenti delle imprese e perfino del "mancato interesse" al completamento da parte delle amministrazioni. Un gigantesco tributo allo spreco che ora è possibile quantificare. Questi i dati appena aggiornati dal ministero delle Infrastrutture: si tratta di un patrimonio perduto di 2,6 miliardi, che avrebbe bisogno di un intervento pari a 1,34 miliardi per essere...

16 Luglio 2014

La produzione di CO2 nel mondo

scritto da Andrea Gianotti

BP ha recentemente pubblicato il report Statistical Review of World Energy 2014, nel quale illustra gli scenari della produzione di energia e delle tematiche connesse ad essa. Tra le tabelle presenti, una particolarmente interessante mostra l'andamento della produzione mondiale di CO2, dando una visione Paese per Paese (almeno per i principali), sia in valore assoluto che in termini percentuali, nel periodo tra il 1965 e il 2013. E' così possibile vedere gli effetti della rapida recente crescita delle economie non occidentali (Cina su tutte) e effettuare interessanti confronti tra i diversi Paesi.