Info Data Blog


Le notizie raccontate con i numeri

03 Luglio 2015

Pagamenti delle imprese. Virtuosi i danesi con il 90% di pagamenti puntuali, italiani tra gli ultimi

scritto da Infodata

Se la puntualità è sinonimo di ricchezza, non stupisce che la Danimarca sia il Paese più virtuoso d’Europa nei pagamenti commerciali, con una percentuale di imprese capaci di regolare nei tempi stabiliti i conti con i propri fornitori pari al 90,3%, seguita dalla Germania con il 74,8%. Anche Turchia, Olanda, Spagna, Polonia, Slovenia, Belgio, Repubblica Ceca e Francia mostrano percentuali di pagamento puntuale superiori alla media europea, con concentrazioni più ridotte che oscillano fra il 38,3% (Francia) e il 51,5% (Turchia). Finlandia, Grecia e Irlanda presentano, invece, maggiori difficoltà nel rispettare i termini concordati,...

02 Luglio 2015

Affitti a canone concordato, a Milano aliquota Imu agevolata allo 0,65%

scritto da Infodata

A sedici anni dalla prima firma, la scorsa settimana è stato raggiunto a Milano il rinnovo dell’accordo sul canone concordato. A inizio giugno è arrivata una nuova intesa anche a Napoli, dove il testo definito dalle associazioni di inquilini e proprietari risaliva al 2003. E al 2003 era fermo anche l'accordo di Ancona, che ha visto il rinnovo entrare in vigore lo scorso gennaio. Sono alcuni esempi di capoluoghi regionali che provano a rivitalizzare uno strumento – quello della locazione a costi convenzionati – a lunghi tratti sottovalutato. Ma da Pesaro a Pavia, da Brescia a Benevento, sono diversi i Comuni che negli ultimi sette...

02 Luglio 2015

Mercato valutario. Cambio euro-dollaro sceso a 1,10

scritto da Infodata

Mentre Tsipras e la Merkel si avvicinano al duello (finale?) del referendum in programma domenica in Grecia sull’approvazione del piano proposto dai creditori, sul mercato dei cambi va in scena un altro appassionante scontro. Quello tra euro e dollaro con la divisa europea che ieri ha ceduto quasi l’1%, dopo aver preso nel corso dell’ultimo anno una chiara direzione ribassista per l’euro, arrivato a marzo fino a 1,04 rispetto agli 1,4 dollari a cui era scambiato fino all’estate scorsa.Dopodiché qualcosa si è rotto e il biglietto verde si è leggermente sgonfiato fino a quota 1,15. In questo movimento le parole usate da...

02 Luglio 2015

Le borse credono nell'intesa con Atene, Piazza Affari +2,15%

scritto da Infodata

A giudicare dai movimenti di ieri, i mercati puntano ancora su un accordo in extremis per la Grecia. O almeno così sembravano pensare, prima che l’ennesimo Eurogruppo partorisse l’ennesima fumata nera e sospendesse le trattative fino all’esito del referendum che si terrà il prossimo fine settimana. Il comunicato di quest’ultimo è però giunto quando almeno in Europa i listini avevano già chiuso i battenti, non c’è stato quindi modo di prendervi le misure: le reazioni, se ci saranno, si vedranno soltanto questa mattina. Wall Street, intanto, ha rallentato un po’ il passo sul finale, conservando soltanto parte dei guadagni...

01 Luglio 2015

Ecomafia. Nel 2014 il business legato all'illegalità ambientale è salito a 21,9 miliardi di euro

scritto da Infodata

Il fatturato dell’ecomafia torna a salire dopo anni di stallo: nel 2014 ha sfiorato i 22 miliardi, sette in più dell’anno precedente.Il merito (si fa per dire) è del circuito illegale del settore agroalimentare che, tra sequestri e finanziamenti illeciti intercettati da inquirenti e investigatori, ha superato 4,3 miliardi (nel 2013 era di circa 500 milioni). L’impennata dimostra un’azione investigativa particolarmente mirata (oltre 8mila controlli nel 2014), soprattutto sul fronte della percezione illecita di contributi pubblici (principalmente europei) destinati all’agricoltura (quantificati in quasi 683 milioni; nel 2013 era...

01 Luglio 2015

Quanto vale il mercato greco per l'Italia: nel 2014 export da 3,7 miliardi di euro

scritto da Infodata

Atene pesa poco sui fatturati. Appena l’1% del nostro export annuale è destinato alla Grecia. L’anno scorso è stato pari a 3,7 miliardi, praticamente la metà rispetto ai 7,8 miliardi di euro del 2008. Ma preoccupa di più l’effetto domino su Italia e Spagna. Dal 2009 si lavora tra pagamenti anticipati o dilazionati per «dare una mano ai clienti storici». Nel 2014 l'export italiano in Grecia è stato di 3.774 milioni di euro, in leggerissima crescita rispetto al 2013 (+0,1%). I settori più attivi nell'export verso Atene sono "Alimentari e bevande", "Tessile, abbigliamento e pelli" e "Prodotti chimici" che insieme valgono...

01 Luglio 2015

Le borse falliscono il rimbalzo, Milano -0,48%

scritto da Infodata

Dopo il lunedì nero arriva un martedì «elettrico» sui mercati finanziari europei con volatilità alle stelle. Nel corso della seduta i principali indici azionari hanno ballato inseguendo ridondanti e anche contradditorie dichiarazioni politiche arrivate dagli addetti ai lavori, più o meno impegnati nel tentativo di risolvere l’impasse in cui Atene pare essersi infilata e che con ogni probabilità la porterà al referendum di domenica prossima con un livello di incertezza massimo, dato che non vi sono sondaggi credibili elaborati prima che il premier Tsipras si si pronunciasse lunedì a favore del «no». Nella giornata di ieri...

30 Giugno 2015

Alimentare: nel 2015 +5,7% le esportazioni e +1,5% il fatturato. Accordo Isa e Fsi per sostenere la crescita

scritto da Infodata

Fondo strategico italiano e Isa, la finanziaria controllata dal ministero delle Politiche agricole, siglano un memorandum di intesa per aumentare il valore degli investimenti e delle partecipazioni nel settore agroalimentare italiano. La firma arriva nel corso di un convegno organizzato ieri a Milano da Borsa Italiana proprio per mettere in luce l’interesse crescente della comunità finanziaria nazionale e estera per il food made in Italy. Il settore alimentare si conferma in forte crescita: anche per il 2015 si stima un aumento di fatturato (+1,5%), esportazioni (+5,7%), consumi (216 miliardi) Tratto da Il Sole 24 ORE del...

30 Giugno 2015

Acciaio in caduta libera: produzione -12,6% rispetto al 2014

scritto da Infodata

Non si arresta la caduta dell’acciaio italiano. A maggio, secondo le rilevazioni di Federacciai, la produzione ha registrato una nuova pesante frenata, nell’ordine del 12,6%, portando il dato cumulato dei primi cinque mesi a 9,828 milioni di tonnellate, al di sotto della soglia psicologica dei 10 milioni che, solitamente, a maggio è un dato acquisito. Si tratta dell’ottavo scostamento mensile negativo consecutivo per la produzione. Se si esclude, però, il debole +0,9% registrato nel settembre dell’anno scorso, è da marzo del 2014 che la produzione italiana d’acciaio non mette a segno una variazione congiunturale positiva....

30 Giugno 2015

Disoccupazione in Grecia e Spagna oltre il 20%. Quali i Paesi europei in maggiore difficoltà

scritto da Infodata

«L’impatto finanziario diretto di un default della Grecia sull’economia spagnola è quasi certamente gestibile», secondo Peter Schaffrik, di Rbc Capital Markets, ma ciò che può diventare rilevante e pericoloso per la Spagna - aggiunge l’analista - è la sensazione che si fa breccia tra gli investitori: «È successo alla Grecia, perché non può accadere alla Spagna? Questo possono cominciare a pensare gli investitori. Anche la Spagna ha un debito pubblico elevato, c’è Podemos, le elezioni generali si avvicinano. In realtà non credo che la Spagna abbia molto da temere, lo scenario greco è molto improbabile per Madrid ma...