Info Data Blog


Le notizie raccontate con i numeri

12 Settembre 2014

Un suicidio nel mondo ogni 40 secondi (Oms)

scritto da Luca Tremolada

Ogni anno più di 800mila persone si tolgono la vita. L'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha calcolato che ogni 40 secondi una persona tenta il suicidio. In un report pubblicato nei giorni scorsi si afferma che il 75% dei suicidi avviene nelle economie più povere. L'avvelenamento con pesticidi, l'impiccagione e l'uso di armi da fuoco sono i metodi più comuni usati nel mondo. Attualmente solo 28 Paesi nel mondo hanno campagne di sensibilizzazione e strategie di prevenzione . I suicidi accadono in ogni classe di età, e rappresentano la seconda causa di morte, a livello globale, per i giovani dai 15 ai 29 anni. Fonte:

12 Settembre 2014

La «liaison» Italia-Francia. Parigi è il primo cliente del made in Italy

scritto da Infodata

Un acerrimo nemico sui mercati? Decisamente no. La Francia è invece il principale partner del sistema moda italiano: nel gennaio-maggio di quest’anno, le esportazioni del nostro Paese verso Oltralpe sono cresciute del 3% a quota 2.120 milioni di euro. Battendo nettamente quelle verso la Germania (+6% a 1.756 milioni) e verso i Paesi Eda, in crescita del 6,8% a 1.607 milioni, cioè i tre mercati di sbocco più importanti se negli Eda si aggregano Thailandia, Singapore, Malesia, Taiwan, Hong Kong e Corea. Secondo lo studio di Intesa Sanpaolo, nel gennaio-maggio di quest’anno, l’export totale del sistema moda – tessile,...

11 Settembre 2014

Crescono i consumi nel mondo. Un business da 1.200 miliardi

scritto da Infodata

I consumi mondiali di beni e di servizi di lusso valgono 1.200 miliardi di euro all’anno. Una torta dalle dimensioni iperboliche che fa gola ai marchi grandi, medi e piccoli. E non soltanto a quelli che per primi balzano alla mente, cioè i brand della moda. Il lusso è, infatti, un concetto decisamente più allargato: secondo stime di Boston Consulting Group, abbigliamento, pelletteria e scarpe, orologi e gioielli, cosmetici registrano consumi di 240 miliardi all’anno a livello globale, battuti dalle supercar che, da sole, valgono 280 miliardi. Il settore lusso è interessato negli ultimi anni da un cambio di atteggiamento che...

11 Settembre 2014

L'export delle regioni, la corsa dell'auto rilancia il Piemonte

scritto da Luca Tremolada

Dataviz: Andrea Gianotti con Tableau software L'Istituto di statistica Istat diffonde i dati, molto discordanti, delle esportazioni regione per regione. Performance in generale non brillante quella nazionale, con un aumento limitato all'1,3% tra gennaio e giugno che tuttavia si scompone in risultati settoriali e geografici molto diversi. Male dunque Sicilia e Sardegna, per il calo dei valori esportati nell'energia, al palo la Toscana, appesantita dal tracollo di quasi 30 punti per il comparto "metalli, bene il Piemonte grazie allo sprint delle vendite di auto. Qui l'articolo di Luca Orlando su Il Sole 24 Ore.com 

11 Settembre 2014

Nel 2018 l’industria dell’intrattenimento in Italia salirà a 36 miliardi di euro

scritto da Luca Tremolada

  Nel 2018 l’industria dei media e dell’intrattenimento in Italia punta a raggiungere i 36 miliardi di euro, in crescita rispetto ai  31,5 miliardi del 2013 (CAGR 2,7%).  La stima è contenuta nel rapporto di PwC Italia  ‘E&M Outlook in Italy 2014-2018’, che per il 6° anno consecutivo descrive i trend relativi agli 11 segmenti del mercato: Filmed Entertainment, Television, Recorded Music, Radio, Out-of-Home advertising, Internet, Newspaper Publishing, Consumer Magazine, Business to Business, Consumer and Educational Book e Video Games Il digitale rappresenterà il 44% del totale del mercato E&M nel 2018, contro il...

10 Settembre 2014

Stoccolma è la città più "connessa" (Ericsson Networked Society City Index)

scritto da Luca Tremolada

Stoccolma, Londra e Singapore  sono le tre città più connesse tra 31, le migliori sotto il profilo delle sinergie prodotte  tra Ict, sviluppo sociale, economico e ambientale. La graduatoria è stata compilata attraverso l'indice Networked Society City di Ericsson che  misura la maturità Ict connessa alla dimensione economica, sociale e ambientale di 31 città nel mondo. I dati presentati nella relazione mostrano a che i progressi nelle infrastrutture di telecomunicazione  creano opportunità di crescita economica attraverso una maggiore efficienza della produzione e dei servizi, così come nella creazione nuova, più...

10 Settembre 2014

Petrolio, il tesoro nascosto. In Italia fermi 40 progetti d’investimento

scritto da Infodata

Le semplificazioni previste dal decreto Sblocca Italia per il settore dell’energia potrebbero generare investimenti per 17 miliardi e creare forse 100mila posti di lavoro, promette il Governo. Hanno protestato il Movimento 5 stelle e il presidente della Puglia, Nichi Vendola: più o meno hanno detto che il territorio viene svenduto alle trivelle petrolifere, alle odiate multinazionali, alla devastazione del territorio. Grazie alle nuove tecnologie si è scoperto che l’Italia è ricca di giacimenti di greggio e di metano, tali da garantire il risparmio di importazioni petrolifere per 6,5 miliardi l'anno. Lo Sblocca Italia interviene...

09 Settembre 2014

Quanto paga possedere una laurea? I numeri di Education at a glance 2014 (Ocse)

scritto da Luca Tremolada

L’accesso all’istruzione continua a progredire e il numero di adulti con un alto livello di competenze in lettura continua a crescere; ma si accentuano le disparità socioeconomiche poiché l’impatto dell’istruzione e delle competenze sulle opportunità individuali di successo nella vita è considerevolmente aumentato. Se osserviamo la situazione occupazionale, in media, oltre l’80% dei laureati svolge un’attività lavorativa, rispetto a meno del 60% degli adulti con livelli d’istruzione inferiori al secondario superiore. Non per questo, tuttavia, gli adulti con un’istruzione di livello universitario, in...

09 Settembre 2014

Argentina: inflazione alta, dazi e burocrazia sono gli ostacoli per le aziende

scritto da Infodata

Il default selettivo, come viene chiamato quello argentino, a detta degli analisti e degli operatori non è assolutamente paragonabile a quello del 2001. La frenata del Paese è imputabile a molti fattori, compresa la congiuntura internazionale. Ma come ha impattato questa crisi sulle aziende che lavorano con l’Argentina? Va subito detto che il Paese, finora, non è stato considerato molto appetibile dalle nostre aziende, malgrado i legami culturali e la presenza di alcuni grandi gruppi italiani. Dopo la forte crescita negli anni successivi al 2008, dovuta all’aumento dei prezzi delle materie prime di cui l’Argentina è...